Irpinia – Colline dell’Ufita DOP. L’ultimo successo, tutto campano della Ravece

0
351

Lo scorso 11 marzo sulla Gazzetta Ufficiale Europea è stato pubblicato il regolamento comunitario con il quale è stata ratificata la registrazione della denominazione “Irpinia – Colline dell’Ufita DOP” tra i marchi comunitari di protezione delle produzioni agroalimentari tipiche, ai sensi del Regolamento comunitario CE n. 510/06. La Campania ha 19 marchi DOP/IGP, un primato assoluto nel Mezzogiorno. La nuova DOP irpina è l’undicesima, la quarta tra gli oli.

L’olio DOP Irpinia è ottenuto dalle olive delle varietà “Ravece”, in misura non inferiore al 60%, “Ogliarola” ed altri ecotipi locali in misura non superiore al 40%. Ed è proprio la Ravece che conferisce per lo più le pregevoli caratteristiche aromatiche e gustative dell’olio, in particolare il suo gusto fruttato intenso, con un’armonica presenza della carica piccante ed aroma erbaceo.

L’area geografica di produzione è riferita a 38 comuni dell’avellinese, la maggior parte dei quali appartenenti all’area dell’Ufita. La superficie olivetata si aggira intorno ai 3.500 ettari, con oltre 9000 aziende produttrici.

La produzione dell’olio è pari a circa 25.000 quintali all’anno che corrispondono a due terzi circa della produzione provinciale. Le aziende imbottigliatrici potenzialmente interessate alla produzione dell’olio DOP sono una trentina. Il fatturato medio annuo è stimato in 2,7 milioni di euro, valutando che la DOP interesserà, in fase di avvio, il 15 % della produzione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here