Iniziata la ricerca dei regali di Natale? Qualche consiglio per pacchetti in stile “green”

0
292

Non finisce il nostro viaggio nel mondo dei materiali da riciclare, ma cogliamo l’occasione del periodo prenatalizio per dare qualche piccolo consiglio su come evitare i troppi sprechi dovuti al consumismo tipico del Natale.

Carte lucide e colorate, coccarde e nastri dorati…è l’atmosfera che tutti cerchiamo di ricreare in casa quando sotto l’ albero mettiamo i pacchetti per i nostri cari. Ma per chi segue e per chi si sforza di seguire uno stile di vita quanto più green, anche a Natale bisogna assumere un atteggiamento eco-friendly. A cominciare dai pacchetti.

Evitiamo di acquistare decine di fogli di carta colorata, coccardine delle più svariate dimensioni e metri e metri di nastrini. E chiediamo alla commessa del negozio di non incartarci il regalo, perché a casa sfrutteremo dei modi assai più originali (e green) per impacchettarlo.

Vi sembrerà strano, ma in casa vostra potrebbe esserci già tutto l’occorrente di cui necessitate. Chi ha detto che la carta del pane, la carta dei giornali, vecchi tovaglioli e centrini non possano diventare un bellissimo involucro da scartare il giorno di Natale?

Per rendere alternativa la carta del pane, basta passarla sotto una macchina da cucire e fare tante cuciture a zig zag con fili colorati. Potete chiudere il tutto con uno spago da cucina e sostituire la normale coccarda con applicazioni colorate di feltro.

La carta dei giornali, per le sue dimensioni, si presta perfettamente per i pacchi medio grandi. Dato il suo colore bianco e nero, è necessario darle un tocco di vivacità: potete chiudere il pacco con ritagli di stoffa, bottoncini o nastrini in raso.

Ancora, la carta dei pacchi ricevuti dall’ufficio postale può essere riutilizzata per incartare i regali molto grandi e decorata con motivi natalizi, geometrici o a vostra fantasia che disegnerete con pennarelli argentati o dorati dalla punta doppia.

Di vecchi tovaglioli nei cassetti ne abbiamo a bizzeffe: talvolta sono ancora nuovi e mai usati. Sono perfetti quindi per i piccoli pacchetti e anche questi potete chiuderli utilizzando ritagli di stoffa o di lana.

Veniamo ora…alle camice. Potrebbe tranquillamente esserci nei nostri armadi una camicia che ormai non indossiamo più…dunque riutilizziamola! Si presta perfettamente per confezionare i regali d’abbigliamento e potete chiudere il pacchetto con l’orlo delle cuciture, che avrete precedentemente ritagliato.

I centrini, abbinati ai tovaglioli, danno un tocco rustico e campagnolo. Legati con lo spago da cucina, sono ideali per confezionare barattoli di marmellate, sacchetti di legumi, pacchetti di caffè.

Anche i vecchi sacchetti ben conservati possono acquistare un tocco fashion e natalizio con opportune modifiche e personalizzazioni applicandovi merletti, pizzi, ritagli di stoffa e bottoncini.

Dunque, le idee sono tantissime, potete divertirvi con la fantasia e perché no, magari lasciare che i più piccoli di casa vi suggeriscano altre idee o che vi aiutino nella realizzazione di questo Natale in stile green!

Federica Caiazzo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here