I Monti Dauni ed il turismo: dati in crescita. Ma c’è ancora molto da fare…

0
313
Cattedrale di Troia

TROIA (FG). Si è tenuto lo scorso 29 febbraio presso il Cine-Teatro comunale ‘Pidocchietto’, il convegno ‘Rilancio culturale e turistico dei Monti Dauni: a che punto siamo?’.

L’occasione è stata offerta dall’Associazione Culturale ‘A.c.t! Monti Dauni’, che ha tracciato un bilancio dell’attività svolta negli ultimi dodici mesi nell’ambito del progetto supportato e finanziato dal programma regionale ‘Principi Attivi – Giovani Idee per una Puglia Migliore’, che ha consentito di attivare una serie di servizi turistici e realizzare numerosi eventi culturali.

Le iniziative messe in campo e le attività programmate per i prossimi mesi fanno da apripista ad un progetto più ambizioso, che vede coinvolti i comuni e gli Enti pubblici e privati dei Monti Dauni, gli operatori turistici ed enogastronomici, le associazioni, le imprese e soprattutto i giovani, che scommettono su se stessi e sul territorio in cui vivono.

Ne hanno parlato, negli interventi coordinati da Giuseppe Beccia, responsabile dell’Area servizi culturali e turistici dell’associazione ‘A.c.t! Monti Dauni’, Annibale d’Elia, coordinatore dello staff di Bollenti Spiriti – Principi Attivi della Regione Puglia, Federico Massimo Ceschin, esperto in marketing territoriale, Edoardo Beccia, Sindaco di Troia, Antonio V. Gelormini, editorialista e analista dei fenomeni turistici – responsabile del distretto culturale ‘Daunia Vetus’, Alberto Casoria, presidente del GAL ‘Meridaunia’, Silvia Godelli, Assessore al Turismo della Regione Puglia.

 

Incoraggianti i dati raccolti sui flussi turistici non solo di Troia ma anche Bovino, Candela e Lucera, con un trend in continua crescita che lascia ben sperare per il futuro mettendo in evidenza l’incidenza positiva delle attività promozionali di ‘A.c.t! Monti Dauni’ in sinergia con i Comuni e gli Enti di riferimento sul territorio.

L’offerta turistica dell’entroterra è favorita dalla presenza di tante testimonianze della Storia, gelosamente custodite, dal grande patrimonio paesaggistico e naturalistico, dalla variegata tradizione folkloristica conservata e tramandata, dalla ricca cultura enogastronomica, tutti elementi che costituiscono patrimonio comune dei Monti Dauni.

Mettere in rete una offerta turistica complessiva presuppone la “costituzione di un’unica gestione di musei, biblioteche, archivi” ha detto il sindaco Edoardo Beccia che in proposito ha dichiarato: “vogliamo a tutti i costi trovare un modo di interagire con la Diocesi”. “Nell’ultimo scorcio di legislatura che ci rimane l’Amministrazione Comunale ha la volontà di investire in tutto ciò che è credibile”. Un messaggio forte e chiaro, quindi, che va in direzione della realizzazione di una offerta turistica integrata nella quale pubblico e privato devono poter dialogare e collaborare.

E’ questa la filosofia alla quale si ispira anche il Gal ‘Meridaunia’, che ha finanziato ben 29 progetti per il miglioramento della ricettività turistica dei Monti Dauni, per 4 milioni e mezzo di euro, ai quali se ne aggiungono altrettanti, cofinanziati dalle aziende beneficiarie, per un valore complessivo di 9 milioni di euro.

Nella stessa direzione anche la creazione del portale internet www.pugliadeiborghi.it, realizzato dall’associazione Act!, già visibile in rete nella versione ‘beta’. Si tratta di un vero e proprio punto informativo, una rete tra operatori del settore turistico ed enogastronomico, una piattaforma interattiva che offre ai turisti la possibilità di organizzare la permanenza sul territorio costituendo uno strumento promozionale strategico che va a integrare le iniziative già adottate.

La direzione è quella giusta. “E’ suggestivo sapere che ci sono giovani capaci di disegnare un modello di sviluppo legato ai propri destini e che credono sia possibile restare sul territorio”, ha dichiarato nelle conclusioni l’assessore regionale al Turismo Silvia Godelli.

I dati parlano di una crescita dell’economia turistica. Si registra un orientando della domanda (soprattutto quella internazionale) sempre più verso le zone interne e un peso crescente del settore, in ambito regionale, passato, negli ultimi 6 anni, dal 3% all’8%. Insomma, il turismo è sempre più settore trainante della nostra economia. Ma i problemi non mancano.

Per l’assessore Godelli bisogna porre una maggiore attenzione alla difesa dell’ambiente e del paesaggio e superare l’arretratezza tecnologica che caratterizza ancora la copertura delle reti cellulari e, soprattutto, quella di internet, prima ancora che rimuovere i grandi problemi di viabilità per i quali, tra l’altro, occorrono ben altre risorse.

Concentrarsi sulla soluzione di queste problematiche significa creare le condizioni affinché i Monti Dauni, con i Borghi, i paesaggi, la cultura, il folklore e l’offerta enogastronomica diventino, a pieno titolo, destinazione turistica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here