FRULI DOCUDINE. Friuli Doc, la maggiore fiera enogastronomica regionale, torna dall’11 al 14 settembre, pronta a sedurre tutti gli amanti della buona tavola e del divertimento per festeggiare i suoi primi vent’anni.
Si dice sempre che il Friuli Venezia Giulia sia al centro della MittelEuropa, un crocevia di luoghi, esperienze, tradizioni e culture diverse: non c’è quindi luogo migliore di Udine per raccontare a turisti e visitatori tutti i segreti di una terra che nei secoli è stata attraversata dai grandi popoli della storia. Una multiculturalità che si riflette anche e soprattutto in cucina.
Vent’anni fa l’amministrazione comunale decise di fare nuovamente di Udine un grande emporio, dove scoprire i piatti e la cultura della regione, insegnando a chi avesse voluto ascoltare la storia e le tradizioni di una terra di passaggio. Negli anni Friuli Doc è diventata la vetrina privilegiata della ricchissima produzione regionale: dal vino, famoso in tutto il mondo (come non citare i grandi vini bianchi, in primis Friulano e Sauvignon), ai piatti della tradizione così diversi fra i vari luoghi che compongono il mosaico di una terra sempre diversa. Prosciutto di San Daniele, formaggio Montasio, i cjarsons, frico e il pesce di Marano e Grado, sono solo alcuni piatti della ricca proposta di prelibatezze, fra cui non mancano tanti ingredienti Dop, IGT e i presidi Slow Food.
Udine si riempie di migliaia di turisti dall’Italia e da Austria e Slovenia, che invadono pacificamente la città che per quattro giorni sarà densa di eventi di ogni tipo. Oltre 100 stand dislocati fra vie e piazze del centro storico accolgono il visitatore con delizie e bontà, accompagnate da vini e birre artigianali. All’offerta di consorzi e pro loco provenienti da tutto il FVG si accompagnano degustazioni guidate, lezioni di cucina, dimostrazioni e laboratori aperti al pubblico, presentazioni e convegni, focus sui prodotti tipici e mostre. Un modo diverso per vivere una festa imparando direttamente i segreti di una cucina gustosa e salutare.
Ma Friuli Doc non è solo un’enorme area degustazione a cielo aperto, è anche una festa coinvolgente con più di 100 spettacoli e 500 artisti: un continuo show sui vari palchi capaci di allietare grandi e piccini. A proposito di questi ultimi, sono diverse le attività e laboratori a loro dedicati nella suggestiva cornice dei giardini storici della città.
Dal 2012 la tradizione vuole che ogni edizione di Friuli Doc sia dedicata a un diverso prodotto tipico della regione. Dopo il formaggio e il vino, c’è grande curiosità sul prossimo tema, che sarà svelato però solamente dopo Ferragosto.
Frequentatissimi gli “show cooking” di Daniele Persegani: appuntamenti all’insegna della cucina che saranno anche disponibili in live streaming grazie alla collaborazione con l’Agenzia TurismoFVG.

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here