Festival del Prosciutto di Parma. Fino al 21 settembre, goloso e curioso

0
353

ProsciuttificioHa preso il via la XVII edizione del Festival del Prosciutto di Parma, una grande festa fatta di buon cibo, musica e cultura per celebrare e degustare il Re dei Prosciutti e per apprezzare le bellezze naturalistiche e culturali del territorio.
L’inaugurazione ufficiale si è tenuta lo scorso 5 settembre a Langhirano, ma molte sono ancora le attività ed i giorni per godere del suo ricco programma.

Prosciutto a tutto tondo
Grande protagonista di sempre è il Prosciutto di Parma grazie a una serie di iniziative che valorizzeranno ancora di più le sue preziose caratteristiche da sempre apprezzate e riconosciute in tutto il mondo.
Prima tra tutte resta Finestre Aperte, appuntamento principe della manifestazione che attrae ogni anno un folto pubblico di appassionati: i produttori apriranno le porte dei prosciuttifici per guidare i visitatori alla scoperta dei segreti del ciclo di lavorazione respirando i profumi delle cattedrali del Prosciutto di Parma. Confermato anche per la XVII edizione il gradito servizio navette gratuito (Info e prenotazione navette: per partenze da Parma città, IAT Comune di Parma, tel. 0521 218889 – 218855; turismo@comune.parma.it; per partenze da Fiere, PuntoInfoFestivaldelProsciutto, Fiere di Parma, dal 13 al 21 settembre, tel. 0521 996653) che accompagnerà i visitatori nella zona di produzione.

Molte le occasioni per poter degustare il Prosciutto di Parma nelle tante prosciutterie presenti nelle piazze dei comuni aderenti all’iniziativa e nei ristoranti Amici del Festival che proporranno menu speciali e proposte gastronomiche a tema.
Anche il Museo del Prosciutto e dei Salumi di Parma vi aspetta nell’antico Foro Boario di Langhirano. Dopo la visita sarà possibile degustare diverse stagionature del Prosciutto di Parma.

Iniziativa interessante anche quella di Prosciutto in vigna: dieci cantine situate intorno al Castello di Torrechiara saranno aperte al pubblico per celebrare il felice matrimonio tra i Vini dei Colli e il Prosciutto di Parma.

Per diventare un Assaggiatore di Prosciutto di Parma prenderà il via un corso di formazione teorico e pratico che permetterà di acquisire competenze di carattere storico e nutrizionale, e di descrivere le caratteristiche organolettiche e sensoriali del Prosciutto di Parma e studiare l’abbinamento con i vini più appropriati.

Tra arte, cultura e natura
Oltre ai tanti pellegrinaggi del gusto, il Festival offre molto altro. Tutte occasioni per poter visitare tra l’altro una bella città come Parma e il suo magnifico territorio.
Tra gli spettacoli, è sicuramente da segnalare “Emilia Romagna per quella via che sfoglia racconti d’impasti e di ripieni” con Matteo Belli, nell’ambito dell’evento “Via Emilia, un’Estate ripiena di bontà” in collaborazione con Regione Emilia Romagna; a Langhirano invece si terrà l’atteso concerto di Goran Bregovic.
Tra le numerose escursioni a contatto con la natura sono da segnalare i Salti del Diavolo, una spettacolare formazione sedimentaria di strette guglie e pareti rocciose in direzione di Berceto; ma anche il Summer Trail del Prosciutto di Parma, una corsa a piedi di 22 km in semi-autosufficienza che si snoda tra le colline di Sala Baganza, San Vitale Baganza, Cafragna e Maiatico.
Faranno da sfondo alla manifestazione le tante bellezze artistiche del territorio come per esempio la Fondazione Magnani Rocca, la Pieve romanica di San Biagio a Talignano, la Rocca S. Vitale di Sala Baganza, la Pieve di Collecchio e di San Pietro, l’Abbazia di San Basilide di Lesignano, il meraviglioso circuito museale di Neviano, il Castello Pallavicino di Varano de’ Melegari e quello di Torrechiara, e molte altre ancora.

Il programma completo del Festival con i luoghi e gli orari degli eventi è on-line sul sito www.festivaldelprosciuttodiparma.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here