Domani cala il sipario su VINALIA. E si va in bici tra i vigneti sanniti!

0
262

GUARDIA SANFRAMONDI (BN). La notte magica di San Lorenzo, quella dei mille desideri da esprimere, coincide sempre con la chiusura di Vinalia, l’appuntamento enogastronomico che, da giovedì 4 agosto, ha richiamato nel cuore antico di Guardia Sanframondi migliaia di enoappassionati, amanti dei prodotti genuini ed anche di cittadelle medievali.

L’eco-festa guardiese (sono state usate solo stoviglie in Mater-Bi), quest’anno legata ai 150 dell’Unità d’Italia, si appresta domani sera al brindisi più atteso, quello di “Calici di stelle”, la manifestazione promossa dal Movimento del Turismo del Vino e dall’Associazione Città del Vino in duecento piazze italiane.

Ultime ore, quindi, per assaggiare i vini in vetrina e le altre specialità inserite in “Percorso del Gusto” allestito con venti aziende ed associazioni, per un’offerta messa su con una vasta gamma di prodotti, su tutti oli, formaggi e salumi. Ma c’è dell’altro.

Gli innumerevoli visitatori hanno apprezzato anche le tante prelibatezze che hanno impreziosito questa tornata di Vinalia. Dai piatti dell’Osteria Enoica a quelli della Cucina terrona, passando per i Cibi di strada e gli aperitivi dell’Eno-gastro bar, fino alle decine e decine di Torte Contorte.

Proprio per domani sera all’Osteria Enoica la chiusura sarà affidata ad una proposta fatta di: Prosciutto paesano, caciocavallo e bruschette; Lagana e fagioli; Brasato con polenta e Torta all’Aglianico; mentre, per quanto concerne le degustazioni guidate, toccherà alle bollicine delle aziende partecipanti, con orario dalle ore 21 alle 22.

“La presenza di tante persone – ha affermato Concetta Pigna, Presidente del Comitato Vinalia – ci ripaga di uno sforzo corale che va sottolineato. Il nostro evento ha confermato la forte identità consolidata nel tempo e, soprattutto, ha raccolto consensi molto ampi che cercheremo di migliorare per il futuro, puntando ancora sull’identità territoriale, il bere consapevole e la cultura del vino, senza dimenticare di divulgare e rafforzare l’identità enologica sannita”.

“La Campania – ha aggiunto – vanta circa 20000 ettari di superficie vitata, di cui la metà in provincia di Benevento. Siamo, in effetti, la vigna della regione ed aspiriamo a diventarne anche la cantina”.

C’è attesa anche per il Tour territoriale “Bici in campagna”, un viaggio tra i vigneti sanniti nato dalla collaborazione con l’Associazione Strada dei Vini e dei Prodotti Tipici Terre dei Sanniti, l’Arci Guardia, la Misericordia e le associazioni cicloamatoriali della vallata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here