La pandemia dell’ultimo anno ha considerevolmente modificato e stravolto lo stile di vita di miliardi di persone in tutto il mondo. L’Italia, come tutti sappiamo, è stato uno dei Paesi più colpiti dal Covid e la prima nazione europea a fare i conti con restrizioni, lockdown e zone rosse.

Le scuole chiuse hanno costretto centinaia di migliaia di bambini a seguire le lezioni da casa; le chiusure di uffici e le restrizioni nei vari luoghi di lavoro hanno stravolto le abitudini dei lavoratori, che hanno dovuto reinventarsi smart-workers; ristoranti, bar, negozi alimentari e supermercati hanno dovuto rivoluzionare le loro attività per evitare il fallimento, migliorando i servizi di take away e cibo da asporto.

In questa grande situazione di instabilità e difficoltà, che speriamo finisca presto, sono cambiate molto anche le abitudini alimentari di milioni di italiani. Scopriamo come, analizzando i principali trend alimentari emersi in Italia nel 2020 e nel 2021.

Aumenta la spesa online e l’attenzione al risparmio

Ad un anno dal lockdown di marzo 2020 la spesa online (consegna a casa e ritiro in negozio) in Italia è cresciuta del 45%, mentre la riduzione del potere di acquisto delle famiglie italiane è il motivo principale che porta il 34% delle persone a prestare un’attenzione maggiore al prezzo dei prodotti acquistati: questi i dati emersi da un’indagine svolta da Youthquake, un agenzia di data-driven marketing, che ha sede a Milano e Londra.

L’indagine di Youthquake, avviata per analizzare le variazioni nel comportamento dei consumatori nella Gdo (Grande distribuzione organizzata), evidenzia uno dei più importanti trend alimentari post-Coronavirus.

La gente, per paura del contagio e per sfruttare il risparmio offerto dalla spesa sul web, ha smesso di recarsi nei supermercati e ha scelto di effettuare i propri acquisti online, sfruttando i servizi di consegna a domicilio e take-away offerti da tante grandi catene di supermercati, come: Conad, Carrefour, Esselunga e Lidl (per citarne alcune).

Un altro importante dato dell’indagine registra un incremento del 45% delle spese abbondanti, causato dalle restrizioni e dalle misure di contenimento, a cui agli italiani hanno reagito effettuando mega-spese con l’obiettivo di uscire di casa meno frequentemente.

Gli italiani mangiano di più e mettono su 2 chili

Un’analisi Coldiretti (basata su dati Crea) ci dice che il 44% degli italiani è ingrassato nell’ultimo anno, prendendo in media due chili durante il lockdown! Non bisogna fare acrobazie, ma basta leggere i dati dell’Unione Italiana Food per trovare la causa: soltanto nelle prime tre settimane di marzo 2021 (rispetto a febbraio 2021) il consumo di pasta è cresciuto dell’11% e quello di farina del 38%.

Coldiretti, invece, nel corso del primo lockdown (primavera 2020) registrava una crescita del 150% nel consumo di farine e semole e un aumento del 14% per quanto riguarda pane, cracker e grissini. Anche la vendita di olio aumentava del 37%.

Senza dimenticare l’aumento nel consumo di pasti pronti, stuzzichini, snack salati, merendine e biscotti. A metterci in guardia da queste pericolose abitudini alimentari ci pensa la nutrizionista Maria Cristina Mele del Policlinico Gemelli di Roma.

Non solo food delivery, arriva il drink delivery

Tra i pochi settori a beneficiare della pandemia c’è sicuramente quello del food delivery, con trend in forte crescita in tutta Italia e nel mondo. Nel 2020, infatti, il giro d’affari del food delivery ha toccato i 706 milioni di euro, con una crescita del 19% rispetto all’anno precedente.

A causa di lockdown, zone rosse e ristoranti chiusi al pubblico, il 70% degli italiani ha ordinato d’asporto o con consegna a domicilio, mentre il 28% ha ordinato sfruttando le grandi piattaforme di consegne, come JustEat e Glovo.

A sorprendere maggiormente, però, non è il settore della consegna di cibo, ma quello nuovo del drink delivery, che ha registrato incassi record e ha fatto emergere piattaforme come Winelivery, che consegnano a domicilio vino, birra, drink alcolici e altre bevande.

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here