Convention delle Città del VinoSi è discusso anche di fotovoltaico

0
233

BENEVENTO. Sì all’eolico ed al fotovoltaico, ma senza eccessi, perché se il risparmio energetico è un obiettivo importante su cui puntare per il futuro, bisogna stare attenti che questo non comporti un eccessivo consumo del territorio: i sindaci dei territori del vino concordano nella necessità di inserire nel Piano Regolatore delle Città del Vino un regolamento ad hoc perché gli impianti delle energie rinnovabili siano rispettosi del paesaggio, senza che un’installazione indiscriminata possa deturpare vigneti o colture.

Dei principi ispiratori e delle buone pratiche da adottare, le Città del Vino ne hanno parlato riunite in Convention a Benevento e nelle Città del Vino del Sannio – Castelvenere, Torrecuso e Sant’Agata de’ Goti.

In Italia gli impianti installati nel 2009 sono stati circa 71.300, per una produzione di oltre 1.140 megawat. “Quello delle energie rinnovabili è un tema che interessa sempre più da vicino i territori rurali – spiega il presidente delle Città del Vino Giampaolo Pioli – ma, in un momento difficile per l’agricoltura come quello che stiamo vivendo, si corre il rischio che sostituire un vigneto con un impianto fotovoltaico o installare pale eoliche al posto di colture o vicino ad edifici di interesse storico e culturale, possa essere considerato solo una forma di reddito alternativa, senza considerare i gravi danni di immagine per il paesaggio e le pesanti ripercussioni sul turismo. L’obbiettivo è quello di dare ai sindaci dei territori del vino regole e misure per la gestione urbanistica degli impianti. Siamo assolutamente favorevoli al diffondersi delle energie alternative – conclude Pioli – ma è necessario che gli strumenti urbanistici dei comuni si facciano carico di scegliere le porzioni di territorio aperto meno produttive e svantaggiate, le aree industriali o di cava dismesse”.

Di fronte alle nuove problematiche legate alle energie rinnovabili e al loro impatto sulla gestione del territorio, le Città del Vino hanno deciso di lavorare ulteriormente al loro Piano Regolatore – lo strumento urbanistico dei comuni del vino italiani, dove anche il territorio rurale aperto è oggetto di attività pianificatrice da parte dell’ente pubblico – approfondendo i problemi che l’uso indifferenziato, al di fuori della pianificazione, dei pannelli fotovoltaici, o degli impianti eolici, comportano, in termini di impatto paesaggistico, ma anche in relazione al loro smaltimento, che non sarà semplice né poco invasivo per l’ambiente, anche quando si renderanno necessarie sostituzioni con nuovi modelli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here