Contro la crisi la Creattività. Una mostra permanente di eno-arredo all’Hotel Giò Wine Area

0
261

PERUGIA. Per fare un tavolo ci vuole una barrique. Potrebbe essere questo lo slogan che accompagna il progetto Contro la crisi la Creattività, di cui sono protagonisti i ragazzi dell’Istituto Italiano Design che hanno progettato oggetti e complementi di arredo di design ispirati al mondo del vino e realizzati con gli stessi materiali di recupero utilizzati dalle cantine: barrique, doghe, bottiglie, etc..

Dal progetto è, quindi, nata la mostra permanente dedicata all’EnoArredo, dal titolo “dalla CreAttività l’EnoArredo” che, inaugurata lo scorso 23 febbraio, resterà aperta presso l’Hotel Giò Wine Area di Perugia, nell’ambito del progetto CameraCantina.

Sedie, comodini, tavoli, lampade, porta bottiglie e appendi abiti: oggetti fruibili e funzionali, nati da progetti unici che testimoniano come dalla creatività di ragazzi ancora “in formazione” possano nascere idee da concretizzare. Grazie al contributo di Giovanni Pieracci, titolare della omonima azienda e presidente umbro di Federazione Legno Arredo di Confartigianato Imprese, i progetti sono diventati prototipi, anch’essi in esposizione ed in taluni casi veri e propri modelli di una linea di mobili da commercializzare in Italia e all’Estero.

Un piccolo ma raro esempio di come la scuola possa incontrare il mondo del lavoro ed il percorso di formazione si possa arricchire di un’esperienza diretta sul campo, che è un po’ il modus operandi dell’Istituto Italiano design, uno fra i principali Istituti di livello Universitario e post-diploma dedicato ai settori della creatività per eccellenza: design, moda, arredamento, web e comunicazione visiva.

Un fiore all’occhiello per la nostra città, una scuola capace di mettere in contatto i ragazzi, sin da subito, con l’industria e con progetti di ricerca e sviluppo. L’Istituto basa, infatti, la sua didattica su un metodo operativo in grado di rispondere alle moderne esigenze della formazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here