COLAZIONI TIPICHE. I maritozzi baresi

0
1739

MARITOZZI BARESII maritozzi baresi sono delle grosse brioche a forma di treccia ricoperte di zucchero semolato.

Buone come tutte le cose semplici che ci ricordano la nostra infanzia, e questi maritozzi mi ricordano tanto la mia, quando aspettavo con ansia mio padre che tornasse dal panificio, sperando che, oltre al pane, avesse preso anche il maritozzo, che nel mio paese d’origine, facevano a forma di girella gigantesca che, all’epoca, dovevo prendere con due mani per addentarlo.

Ricordo la soddisfazione di tirare fuori dalla cartella questa brioche enorme avvolta nella carta del pane e ritrovarmi, alla fine, ricoperta di zucchero semolato in ogni dove!

Tornando ai nostri maritozzi baresi, sono delle brioche ottime per la colazione, con pochi grassi e poco zucchero nell’impasto, da preferirsi sicuramente ad un cornetto alla crema, se si vuole stare attenti alla linea.

Tra l’altro, una volta pronti, possono essere congelati e tirati fuori dal freezer al bisogno, scaldarli in forno o nel microonde..et voilà, ogni giorno avrete maritozzi sempre freschi.

I maritozzi baresi originali hanno una lunghezza di almeno 10-15 centimenti, ma volendo, potete farli più piccoli.

Passiamo subito alla ricetta e vediamo come si preparano queste delizie.

Ingredienti:

500 gr di farina 00
50 gr di burro
1 uovo intero + 1 uovo per spennellare
100 gr di zucchero + quello necessario per cospargere i maritozzi baresi
1 lievito di birra (se le temperature esterne sono alte, potete anche diminuire il lievito, mettendone mezzo cubetto)
1 pizzico di sale
Latte tiepido q.b

MARITOZZI BARESI
Procedimento:

Per impastare, potete aiutarvi con una planetaria, il bimby o prepararlo a mano. Mettete gli ingredienti tutti insieme (lasciando per ultimo il latte) e impastate, fino a raggiungere una consistenza soda ed elastica. Se l’impasto dovesse risultare troppo duro, aggiungete un pochino di latte tiepido, fino a raggiungere la consistenza desiderata (impasto sodo ed elastico). Lasciate lievitare circa 2 ore, fino a che l’impasto non sarà raddoppiato di volume.

Riprendete l’impasto e formate dei bastoncini di circa 1 cm di diametro e di 10 cm di lunghezza. Prendetene tre e intrecciateli tra di loro in maniera morbida. Continuate in questo modo fino ad esaurimento dell’impasto.

Adagiateli man mano su una teglia rivestita di carta forno, ben distanziati tra loro.

Spennellateli delicatamente con un uovo intero sbattuto, cospargete i maritozzi con lo zucchero semolato e fate lievitare 2 ore in forno spento.

A lievitazione ultimata, estraete le teglie dal forno, scaldatelo a 200° e poi infornate fino a doratura.

Suggerimenti:

Come variante, potete mettere nell’impasto gocce di cioccolato o dell’uvetta precedentemente ammollata. In caso di aggiunta di questi ingredienti, andranno messi al momento della preparazione dell’impasto, prima della lievitazione.

I consigli del blog La cucina sottosopra

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here