CARCIOFO: poche calorie, tante virtù. Conosciamolo insieme…

0
406

CARCIOFOC’è chi ne va ghiotto, chi aspetta la stagione giusta per farne incetta, chi lo usa per decorare più piatti. E’ lui, il carciofo. Principe della tavola. Anche se si presenta in tante varietà diverse, hanno tutte una caratteristica comune che li lega: quella di avere sostanze davvero benefiche per l’organismo. Una in particolare: la cinarina, che protegge il fegato, abbassa il livello di colesterolo nel sangue e grazie al contenuto di fibre dà una mano all’intestino pigro. Inoltre, contiene poche calorie: solo 22 per 100 grammi di prodotto, che lo rendono ideale per le diete. Tra le tante ricette che lo vedono protagonista, il modo migliore per consumarlo e digerirlo è crudo. Vi propongo una mini guida per scegliere la stagione migliore in cui consumarlo, acquistarlo e pulirlo.

Consigli per acquistarlo: Il carciofo – in genere – si trova da gennaio a maggio. Ogni pianta ne produce circa dieci, con venti frutti. Quelli che si sviluppano prima sono chiamati “mamme”, quelli laterali “figli”, quelli che crescono alla base della pianta “nipoti”. Al momento dell’acquisto controllate che le foglie siano carnose, croccanti e poco aperte ma, soprattutto, che non abbiano alcuna macchia, segno di una cattiva conservazione.

Come si pulisce: Se non volete scurirvi le mani nel pulirli, indossate un paio di guanti. Cominciate ad eliminare le foglie più dure fino ad arrivare al cuore tenero. Come capire se il carciofo che avete scelto è davvero fresco? Se le foglie si staccano facilmente alla base con un colpo secco allora è un carciofo fresco. Per  pulirlo, iniziate a tagliare la parte superiore delle foglie che restano, lasciando quella più chiara. Se all’interno trovate la cosiddetta “barba” o “fieno” eliminatela perché è sgradevole. Sbucciate il gambo lasciandone attaccato circa i 10 cm. Strofinate il carciofo con mezzo limone per non farlo annerire.

Il carciofo lo si trova in molti varianti:

•             Sott’olio. Certo sono buonissimi se aggiunti in un panino con la mozzarella o come antipasto, ma attenzione alle calorie.

•             Sott’aceto. Possono essere utilizzati per accompagnare piatti di carne o di pesce.

•           In salamoia. E’ una preparazione fatta con una soluzione acquosa concentrata di sale per conservare a lungo il prodotto. Non è consigliato a chi soffre di ipertensione per l’alta concentrazione di sale.

•             Liquore. Amaro, digestivo o grappa, attenzione alla gradazione. Si tratta di una bevanda alcolica e come tale va usata con moderazione.

Insomma il carciofo fa bene ed è gustoso in qualsiasi modo si decide di gustarlo. Le sue virtù sono tante e si conciliano con le poche calorie.

Maria Rosaria Mandiello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here