Bauer partecipa alla prima rassegna di giardini pensili italiani. Un viaggio in Italia tra le oasi verdi sui tetti

0
302

Domani  a Bergamo, nell’ambito della manifestazione “I Maestri del Paesaggio” promossa da Harpo group e Paysage, verranno proposte al pubblico 19 narrazioni progettuali specificatamente selezionate per l’iniziativa “Bianco, Rosso e Verde pensile: viaggio in Italia tra i giardini sul tetto”. Tra queste, anche la realizzazione curata dall’architetto Massimo Leonardelli, che ha portato l’orto sul tetto della nuova sede Bauer di Trento, come esempio di naturalità ed ecosostenibilità aziendale.

Storica azienda trentina, specializzata in preparati per brodo e insaporitori, da sempre attenta a coniugare salute ed equilibrio al piacere di una cucina saporita e gustosa, Bauer ha voluto che questa filosofia del benessere e della naturalità fosse rispecchiata anche nell’architettura della nuova sede, inaugurata di recente, ad iniziare proprio dal suo roof garden… Erba fresca appena tagliata, aiuole verdeggianti con fiori e rose profumate e, tutt’intorno, un orto con erbe aromatiche e fresche verdure.

Una doppia valenza quella del giardino pensile Bauer diventato vero e proprio fulcro dell’azienda e spazio di condivisione: da un lato virtuoso esempio di ecosostenibilità, dall’altro progetto educativo per i visitatori dell’orto didattico.

 “In questo progetto si vuole mettere in evidenza il gusto della memoria, delle materie prime utilizzate nelle ricette della nostra storia – spiega Giovanna Flor, amministratore unico di Bauer – valorizzando il concetto di come gli alimenti che mangiamo quotidianamente vengano coltivati nel rispetto della natura e dell’ambiente, per educare ad una alimentazione sana ed equilibrata.

L’iniziativa “Bianco Rosso e Verde pensile: viaggio in Italia tra i giardini sul tetto” darà l’opportunità all’architetto Massimo Leonardelli di presentare la nuova sede Bauer progettata secondo i più moderni parametri di sostenibilità ambientale, in corso di certificazione Leed®. La particolare copertura a verde dello stabile, più di 2500 mq d’impermeabilizzazione naturale, consente vantaggi energetici ed economici su più fronti, come il maggiore isolamento termico sia estivo che invernale, la diminuzione dei picchi di deflusso idrico, la mitigazione del microclima e il fissaggio delle polveri sottili. Inoltre, uno specifico sistema di stoccaggio delle acque meteoriche garantisce la riduzione dell’utilizzo di acque potabili per scopo di irrigazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here