Autunno. Facciamo una torta salata di carciofi!

0
332

Tempo d’autunno e nuovi ortaggi si fanno largo. E’ tempo dei carciofi, la cui produzione si verifica a cavallo dell’inverno, con inizio ad ottobre-novembre, e – dopo una stasi invernale – continua in primavera fino a maggio.

Il carciofo è un ortaggio di alto valore nutritivo, ha un apporto calorico veramente basso ed un enorme contenuto di ferro. Inoltre, contiene sodio, potassio, calcio, fosforo, vitamine,acido malico, acido citrico, tannini e zuccheri consentiti anche ai diabetici. I carciofi in cucina si possono preparare in diversi modi, oggi vi propongo la torta salata ai carciofi senza latticini.

Di solito la torta di carciofi viene fatta usando ricotta o latte, panna o parmigiano o utilizzando altri formaggi duri grattugiati, invece in questa ricetta non c’è nulla di tutto questo. E’ comunque ottima e sarà apprezzata da tutti, non solo da chi per allergia o intolleranza deve evitare i latticini.

Ingredienti per 4 persone

5 carciofi

4 uova

due spicchi d’aglio

pasta brisèe

olio d’oliva extra vergine q.b.

limoni q.b.

sale e pepe q.b.

Procedimento

Iniziate pulendo i carciofi, eliminando le foglie più dure, le spine e il fieno all’interno. Poneteli in una ciotola contenente acqua, sale e succo di limone per non farli annerire. In una padella aggiungete un filo d’olio d’oliva e uno spicchio d’aglio, fate rosolare per un paio di minuti.

Affettate i carciofi e aggiungeteli nella padella. Salate leggermente e fateli cuocere unendo un po’ di acqua calda. Quando i carciofi saranno cotti, lasciateli raffreddare.

In una ciotola versate le uova, un pizzico di sale e pepate, aggiungendo due o tre cucchiai di olio. Sbattete il tutto, incorporate il tutto ai carciofi freddi. Srotolate la pasta brisèe, potete usare quelle pronte o surgelate, ma leggete gli ingredienti o potete prepararla voi.

Versate il composto di carciofi e uova nella teglia rivestita dalla pasta, ripiegate i bordi verso l’interno. Ponetela in forno già preriscaldato a 180°. Vi consiglio di osservare la cottura. Quando sarà pronta gustatela tiepida o fredda, in base ai vostri gusti!

Maria Rosaria Mandiello

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here