Viaggio tra le spezie. Oggi…coniglio ai semi di papavero

0
379

Le spezie sono semi, frutti, radici, cortecce o sostanze vegetali usate in quantità irrisorie dal punto di vista nutrizionale come additivi per dare sapore ad un alimento. Questa è la definizione che ne dà Wikipedia. Giusto, ma così viene sminuito il ruolo straordinario che una spezia ha all’interno di un piatto.

Una spezia può regalare o distruggere (se usata male) l’equilibrio, può legare le materie prime, può trasformare un piatto elementare in qualcosa di suggestivo.

Tra i poteri più forti che ha, vi è quello evocativo, non dimenticando le notevoli proprietà nutrizionali e curative che tutte le spezie posseggono.

D’altronde saperle usare significa avere uno strumento in più per poter ridurre o abolire l’utilizzo del sale in cucina, grande nemico della salute e del benessere.

Cominciamo un viaggio per conoscerle…

Prima Puntata: i semi di papavero.

Fanno parte dei rimedi naturali utilizzati per l’ansia e lo stress, hanno un effetto calmante per il sistema nervoso. Un alto contenuto di calcio li rende di grande supporto in menopausa, e sono di aiuto anche nel ridurre la concentrazione di colesterolo nel sangue.

Si trovano facilmente anche al supermercato o in negozi specializzati, i semi di papavero trovano largo uso in cucina nella preparazione di pani, grissini e simili, ma hanno spazio anche in altri piatti.

Provate ad utilizzarli così:

Coniglio ai semi di papavero

Ingredienti per 4 persone:

  • 8/12 pezzetti di coniglio (in base alla grandezza);

  • rosmarino;

  • vino bianco secco;

  • olio evo;

  • semi di papavero;

Procedimento:

Lasciate marinare per un’oretta il coniglio nell’olio ed il rosmarino tritato finissimo, poi lasciatelo cuocere a fiamma viva in una padella antiaderente, sfumando con un pochino di vino bianco. A cinque minuti dal termine della cottura impanate i pezzetti di coniglio nei semi di papavero e ripassate in padella. Servite con un rametto di rosmarino e utilizzando l’eventuale fondo rimasto. Stesso risultato e stesso procedimento per altri carni bianche come ad esempio il pollo.

ABBINAMENTO VINO: Fiano (meglio non d’annata)

ABBINAMENTO MUSICALE: Brazilian Like – Michel Petrucciani

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here