COLOMBAUova di cioccolato e colombe: protagoniste indiscusse di questo periodo. Uova di cioccolato di tutte le dimensioni, fondenti o ala latte, colombe farcite con crema o cioccolata e ricoperte di glassa. I prodotti presenti sul mercato sono i più disparati, ma se si vuole comprare un dolce di qualità è bene conoscere tutti gli ingredienti essenziali che lo contraddistinguono.

Uova di cioccolato

Fondamentale è leggere l’etichetta, una vera e propria carta d’identità del prodotto. Fate attenzione alla dizione “cioccolato puro” riservata a quello non contenente oli tropicali o altri grassi vegetali, in caso contrario deve essere riportata la dicitura, ben visibile e leggibile, “contiene altri grassi vegetali oltre al burro di cacao”. Questa menzione dovrà esser posta nello stesso campo visivo della lista degli ingredienti ma ben distinta, con caratteri di grandezza almeno uguale.

Se poi nella denominazione sono usati aggettivi che danno al consumatore un’idea di maggiore qualità, le caratteristiche devono essere migliori. Ad esempio: il cioccolato “finissimo” o “superiore” deve contenere almeno il 43% di cacao. Al contrario, se nell’elenco degli ingredienti è dichiarato “cioccolato comune”, la qualità è più scadente poiché il cacao è il 25% e l’uovo costerà di meno. C’è poi il cioccolato al latte: questo deve contenere almeno il 25% di cacao e il 14% di latte, anche in aggiunta con la panna.

Quando l’uovo di Pasqua è destinato a un bambino, bisogna fare molta attenzione anche alla sorpresa che esso contiene. Prima di procedere all’acquisto  è bene controllare che l’etichetta riferita alla sorpresa riporti il marchio CE (che indica la conformità alle direttive europee) e l’indicazione della fascia di età cui il giocattolo è destinato.

Una volta aperto l’uovo, poi, è consigliabile verificare che l’etichettatura del giocattolo contenga nome e recapito del produttore, importatore o distributore cui far riferimento in caso di problemi. Un’ulteriore garanzia di sicurezza è la presenza sul giocattolo di loghi volontari quali “Giocattoli sicuri” rilasciato dall’Istituto Italiano Sicurezza Giocattoli o il marchio di sicurezza IMQ (per prodotti elettrici) che assicurano l’avvenuta certificazione in laboratorio.

Esaminando sempre le etichette si possono anche avere indicazioni utili sul prezzo adeguato del prodotto: considerato che il contenuto in cacao della cioccolata è inferiore al 50% e valutati i costi di produzione, quelli per la confezione e  quelli della sorpresa, un prezzo ragionevole dovrebbe aggirarsi intorno ai  30- 40 euro al chilo. Spesso,  uova e colombe fungono da prodotti “civetta”: vengono venduti a prezzi stracciati per portare il consumatore a comperare anche altri prodotti. Il consumatore deve farsi furbo e approfittarne.

Colombe pasquali

Secondo un decreto ministeriale del 22 Luglio 2005 la denominazione “colomba” è riservata al “prodotto dolciario da forno a pasta morbida, ottenuto per fermentazione naturale da pasta acida, di forma irregolare ovale simile alla colomba, una struttura soffice ad alveolatura allungata, con glassatura superiore e una decorazione composta da granella di zucchero e almeno il 2% di mandorle, riferito al prodotto finito e rilevato al momento della decorazione”.

Il nome colomba è dunque, riservato al prodotto che non contiene grassi idrogenati e altri ingredienti scadenti con cui si sostituisce il burro. A volte sul mercato circolano colombe addirittura senza burro e uova, ingredienti cardini insieme ai canditi. Le uova utilizzate devono garantire non meno del 4% in tuorlo e di categoria “A” (fresche), mentre la quantità di burro non deve essere inferiore al 16%; scorze di agrumi canditi devono essere presenti in quantità non inferiore al 15%.

Accanto alla “versione classica”, inoltre, vengono disciplinate le “versioni speciali e arricchite”, cioè quelle con farciture, ripieni, decorazioni e glassature particolari, che comunque dovranno contenere almeno il 50% dell’impasto base, e tutte le variazioni  dovranno essere riportate in etichetta accanto alla denominazione riservata.

Sono possibili anche l’assenza di alcuni ingredienti e la loro sostituzione con altri, ma anche in questo caso la variazione deve essere indicata nella stessa denominazione di vendita (ad esempio “Colomba senza canditi”, “Colomba farcita al cioccolato”, ecc.). Per i prodotti non conformi alle disposizioni del disciplinare dovranno essere adottate altre denominazioni di vendita alternative (ad esempio, “dolce di Pasqua”).

Come conservale

Generalmente per la colomba si opta per una conservazione in luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di calore. Anche l’uovo di Pasqua, e i prodotti di cioccolato in genere, si conservano in luogo fresco e asciutto, nella loro confezione originale oppure avvolti in carta alluminio e poi nella pellicola trasparente.

Maria Rosaria Mandiello

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here