Il piatto che vi racconto oggi porta con se antiche tradizioni e ricordi senza tralasciare sapori e profumi che ormai non si trovano più sulle nostre tavole.

Sto parlando della Puujeatë (Poleggiata), un infuso ottenuto dall’infusione della Mentha Pulegium (nome botanico), conosciuta anche come Menta Romana.

Questa pianta erbacea, nasce spontaneamente nella fascia mediterranea, viene raccolta da maggio ad agosto ma viene utilizzata durante l’inverno, soprattutto nei giorni più freddi. Dal forte odore aromatico è caratterizzata da inconfondibili fiorellini violacei.

Conosciuta già nel medioevo e dalla Scuola Medica Salernitana, godeva di una fama straordinaria per la sua efficacia nel combattere un grande numero di malattie e per questo veniva usata anche per tisane e fumenti.

La crescita spontanea e abbondante di questa erba, la rendeva alla portata di tutti e grazie a questo, diventava un piatto unico che appagava l’appetito anche alle persone meno abbienti oltre che a riscaldarle dal gelido freddo invernale, infatti, spesso, veniva preparato anche al mattino, prima di andare nei campi.

Tradizionalmente, venivano consumati prima i tozzi di pane imbevuti nell’infuso e successivamente i peperoni con l’aggiunta di un filo d’olio che venivano serviti come una sorta di secondo piatto.

Oggi ve la propongo nella versione più classica e antica, preparata al camino, nella pignata di terracotta, come si faceva agli inizi del ‘900 ma, ovviamente potrete prepararla anche sul piano cottura delle vostre cucine, utilizzando le più moderne pentole.

Ingredienti
Un mazzetto di menta poleggio
Pane raffermo lucano casareccio q.b.
5 o 6 peperoni secchi di Senise
1 spicchio d’aglio
Un peperoncino piccante
Olio e.v.o. q.b.
Sale q.b.
Acqua q.b.

Procedimento
Tagliare il pane a tozzetti e metterlo in un piatto fondo. Riempire una pignata di terracotta con dell’acqua, mettere il sale, il peperoncino, l’aglio e portare ad ebollizione posizionando il recipiente accanto alla brace del camino.

Aggiungere i peperoni, farli lessare per qualche minuto e toglierli dall’acqua. Mettere il poleggio nell’acqua della pignata e far bollire per 2 o 3 minuti.

Aggiungere a filo un giro d’olio sul pane e versarvi l’infuso stando attenti a lasciare nella pignata il poleggio. Servire molto caldo.

Elena Fucci
Sono lucana, nata a Noèpoli, un piccolo paese in provincia di Potenza, uno dei posti più incantevoli della Val Sarmento e del Parco Nazionale del Pollino. Vivo da più di 30 anni a Battipaglia, nella bella terra salernitana. Solare, generosa, mi piace immergermi nella natura, fare lunghe passeggiate ed organizzare pic-nic con le persone care.
La passione per la cucina ce l’ho fin da piccola ed è sta mia madre a trasmettermela, tanto che già da ragazza, presentavo in una radio locale (Radio Noè), oltre che a due programmi di musica Folk e Pop anche uno dedicato alla cucina: Cosa mangiamo oggi?!. Nel 2010 ho aperto il mio blog “Cucina Con Elena”, una sorta di raccoglitore delle mie ricette”.

Per andare al blog “Cucina con Elena”, CLICCA QUI

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here