Pietrelcina Antica cartolinaPuò, un luogo di pellegrinaggio, trasformarsi in meta perfetta per un itinerario enogastronomico all’insegna della qualità e dell’autenticità? Sembrerebbe proprio di sì.
La risposta la troverete in provincia di Benevento, la cosidetta “Altra Campania”, zona d’entroterra con un patrimonio incredibile da scoprire.

Nel cuore del “Sannio Autentico” è nato San Pio, il “Frate delle Stimmate”, che conta milioni di devoti in tutto il mondo. Le sue umili origini sono proprio sannite: “Padre Pio”, infatti, nacque a Pietrelcina, piccolo borgo con poco più di mille abitanti, non lontano dalla città di Benevento.

Se si escludono le date “calde” tanto care ai pellegrinaggi di massa, Pietrelcina è rimasta una meta accogliente e “mistica”: pochi devoti passeggiano nel cuore del borgo antico del paese, in visita ai luoghi del Santo.

Casa pio esterna

Un itinerario piacevole e breve, addolcito da una sosta nella piazzetta del centro storico dove vi aspettano ottimi caffè. Percorrendo un sentiero di campagna “la Via del Rosario”, dal centro abitato di Pietrelcina si giunge a Piana Romana, la zona rurale dove la famiglia di Padre Pio possedeva una masseria: a poca distanza sorge la Cappella delle Stigmate che custodisce l’olmo sotto il quale Padre Pio ricevette le ferite di Cristo nel 1910.
Tra il borgo e Piana Romana vi sono numerosi ristoranti e agriturismi, alcuni a prezzo modici, altri di qualità ed altri che offrono menù turistici senza pretese.

Vialetto Piana Romana
Vialetto Piana Romana

Pietrelcina è la patria del carciofo: ogni anno, nel mese di aprile, si tiene una sagra che esalta la qualità del prodotto tipico. In zona chi possiede un piccolo orticello, coltiva questa prelibatezza che ha nella sua delicatezza e nella fragranza le qualità principali.

Non vi sarà difficile, dunque, portare a casa il vostro “souvenir enogastronomico” ma se volete assaggiarlo, sempre rispettando la stagionalità del prodotto, vi consigliamo di raggiungere l’agriturismo “Fontana dei Fieri”.

La struttura si trova in una zona campestre e gode di un panorama mozzafiato: da una parte il borgo di Pietrelcina, dall’altro la sagoma della “Bella Dormiente” del Sannio ovvero il massiccio del Taburno Camposauro, le cui cime, viste da qui, disegnano una particolare sagoma di una donna distesa che veglia il beneventano.
La campagna circostante provvede a fornire all’azienda a conduzione familiare i migliori prodotti tipici sanniti. L’amore per questa terra è testimoniato da una vetrina di prodotti della filiera corta che si trova all’interno della struttura, dove è possibile conoscere il meglio del territorio, dai vini Doc del Sannio ad ottimi assortimenti di pasta biologica locale, passando per i rinomati taralli telesini.

In cucina il piatto perfetto è la coratella d’agnello con i carciofi di Pietrelcina, ma non mancano altre prelibatezze legate alla tradizione contadina o gustose sperimentazioni come il risotto di farro, orzo e ortiche nel guscio di caciocavallo sannita.

Risotto di farro ed ortiche in guscio di caciocavallo
Risotto di farro ed ortiche in guscio di caciocavallo

Per ulteriori info www.sannioautentico.it

Gaetano Vessichelli

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here