LIBRI: Salentini. Guida ai migliori difetti e alle peggiori virtù

0
208

Un viaggio nel Salento delle innovazioni e delle superstizioni proposto con amore e tanta ironia. La storia del territorio, la natura del paesaggio, le tradizioni di ieri e le attività del presente di una delle regioni più splendide d’Italia. La fotografia del carattere autentico di un popolo ricco di contraddizioni, con 11 insoliti itinerari turistici.

I Salentini sono ufàni, quasi tutti, e la peculiarità più propria del loro carattere è l’ufanerìa. La parola proviene, dallo spagnolo ufano, orgoglioso, e ufanerìa significherebbe dunque orgoglio. In primo luogo, l’ufanerìaè l’eccessiva autostima dei Salentini, i quali credono di saper tutto e di saper fare tutto; chiedete a uno di loro la strada più breve o più veloce per raggiungere Cannole, o Morigine: a meno che non viva vicino a una di quelle località, il vostro interlocutore quasi sicuramente non è in grado di rispondervi correttamente, e ciononostante vi erudirà in maniera precisa e rassicurante sul percorso; se la stessa domanda ponete a un secondo indigeno, troverete la stessa rassicurante precisione e una indicazione diversa.

In definitiva, i Salentini sono ufàni in virtù dell’alta considerazione che hanno di sé. L’ufanerìa è poi l’ostentazione esagerata o delle proprie ricchezze o del proprio potere o delle proprie qualità e, soprattutto, delle proprie amicizie.

I Salentini sono saccenti, millantatori, spocchiosi, megalomani, vanitosi, ufàni insomma, e perciò gran bella gente: il viaggiatore verrà subito coinvolto, incluso in questa grande, enfatica e ampollosa placenta di sicurezza, e si sentirà come a casa propria.

***Piero Manni è nato nel 1944 a Soleto, nel cuore della Grecìa salentina. Laureato in Filosofia, ha insegnato nella scuola media e per vent’anni nelle carceri. Impegnato nella politica e nel volontariato, è stato dirigente di partito e consigliere regionale nel primo governo Vendola; inoltre, dirigente di una ONG di cooperazione internazionale, e fondatore della casa editrice omonima insieme con Anna Grazia D’Oria.

Formato 13×21 cm – Pagine 128 – Con uno splendido inserto fotografico.

Prezzo 12,00 € – ISBN 978 88 7106 673 8

COLLANA: LUOGHI NON COMUNI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here