Ricordi d’un viaggio. Il Marrobbio e Lampedusa

0
494

LAMPEDUSA (AG). E’ singolare e raro il fenomeno del “Marrobbio”, ma una volta che l’hai visto non ti esce più dalla mente. Stai ciondolante sul porto di Lampedusa e all’improvviso il mare sembra in preda a uno strano tremolìo.

Poi l’acqua esce dal bacino con la forza che si ha in un lavabo al quale è stato tolto il tappo e il livello scende in pochi minuti fino a due metri, le barche ondeggiano, cozzano le une contro le altre, si sfasciano contro la banchina, mentre il rumore del disastro invade le tue orecchie.

La scena è paralizzante, inaspettata, e mentre la mente cerca di capire che succede, arriva l’onda di ritorno che ripristina il livello iniziale. Succede anche a Mazara, e in qualche altra parte del mondo, quasi sempre per il coincidere di venti, correnti, fasi lunari e particolari geometrie della rada o del porto.

La forza del Marrobbio del 1987 non si vedeva da un secolo, quando arrivò, durante una bella giornata di sole, con me ciondolante sul porto di Lampedusa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here