Gita Fuori Porta all’Oasi WWF di Persano

0
117

Quando si pensa ad un’oasi la si immagina lontana, quasi irraggiungibile. Ed invece questa, l’Oasi WWF di Persano, è a portata di mano. Uno squarcio di paradiso tra i comuni di Serre e Campagna.
Meglio scegliere la Salerno – Reggio Calabria, uscita Campagna, direzione Serre. Bene indicata, non sarà complicato trovarla.
E’ stata la prima oasi istituita in Campania dal WWF, era il 1980. Da allora ha ininterrottamente permesso ad una media di settemila visitatori l’anno, di percorrere un sentiero natura con una serie di affacci sulla Diga che attrae 193 specie di uccelli, ma anche la lontra, la puzzola, il tasso, la faina, la donnola, e volpi, cinghiali e ricci.
Tra le cannucce di palude, la piantaggine e i giunchi e gli olmi, i pioppi ed i salici, si apre un mondo al riparo…dal resto del mondo.

E durante il percorso, della durata di un’oretta circa, si aprono tante finestre su una biodiversità che incanta.
Ma ci vuole voglia di aspettare e soprattutto silenzio per poter osservare davvero un ecosistema affascinante, che si lascia guardare dall’occhio discreto e attento.
Cento dieci ettari dove centrale resta questo invaso artificiale realizzato negli anni Trenta per sostenere l’irrigazione dei terreni della Piana del Sele, oggi gestito dal WWF in collaborazione con il Consorzio di Bonifica Destra Sele.
Dal 2003 l’area è stata riconosciuta Zona Umida di importanza internazionale.
Una gita fuori porta particolarmente gettonata in primavera, ma che non lascia delusi nemmeno nelle altre stagioni!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here