ENERGY DRINK. ASSOBIBE rassicura sulla situazione italiana, le aziende hanno assunto impegni volontari

0
397

ENERGY DRINKLe bevande analcoliche c.d. “Energy Drink” non sono reintegratori energetici. Gli Energy Drink sono bevande analcoliche funzionali con un effetto stimolante e combinazioni di caffeina, taurina, vitamine e altri ingredienti con effetti nutrizionali o fisiologici. Per quanto anche gli Energy Drink contribuiscano all’apporto di acqua, non sono formulati per reintegrare i liquidi e di conseguenza non vengono commercializzati con gli stessi obiettivi di reidratazione con cui sono commercializzati gli sport drink”. Così apre la nota di ASSOBIBE, l’associazione che tutela e assiste le imprese che producono e commercializzano bevande analcoliche in Italia.

Ecco cosa riporta il seguito della comunicazione:

La situazione in UE ed Italia è molto diversa rispetto agli USA, sia per le informazioni in etichetta che per gli ingredienti consentiti.

1.            I prodotti commercializzati dalle aziende associate ad ASSOBIBE non contengono alcol.

2.            Gli ingredienti sono sicuri, valutati ed autorizzati dalle autorità sanitarie competenti. In Italia, il Consiglio Superiore di Sanità nel 1998 ed il Ministero della Salute hanno autorizzato gli ingredienti. La vendita degli Energy Drink è inoltre subordinata nel nostro Paese ad una procedura di notifica al Ministero della Salute

3.            I consumatori italiani trovano in etichetta specifiche indicazioni ed avvertenze in etichetta quali “tenore elevato di caffeina” e, per iniziativa volontaria dei produttori aderenti ad ASSOBIBE, l’indicazione “Non raccomandati ai bambini, alle donne incinte o alle persone sensibili alla caffeina”.

4.            La quantità di caffeina contenuta in una lattina di 250 ml è simile a quella contenuta in una tazzina di caffè.

Come per qualsiasi altro alimento, è opportuno evitare stili di vita non corretti e consumi eccessivi. Per il loro contenuto di caffeina, gli Energy Drink non sono raccomandati ai bambini, alle donne incinte o alle persone sensibili alla caffeina.

Per favorire un’informazione completa e promuovere un consumo responsabile e consapevole, le imprese aderenti ad ASSOBIBE hanno assunto ulteriori impegni volontari tra cui:

•             evitare la promozione degli Energy Drink in abbinamento con bevande alcoliche, nonché quali prodotti mirati a neutralizzare gli effetti dell’alcol.

•             evitarne la commercializzazione negli ambienti scolastici, nonché dintorni delle scuole e nei canali diretti ai bambini sotto i 12 anni;

•             illustrare le caratteristiche del prodotto ed aiutare il consumatore a comprendere le caratteristiche nutrizionali e funzionali di tali bevande – attraverso ASSOBIBE- una campagna informativa con il Ministero della Gioventù ed un sito internet dedicato (www.infoenergydrink.it);

Infine, si ricorda che in Italia i livelli di consumo di Energy Drink sono molto contenuti: rappresentano circa l’1% del totale delle bevande analcoliche consumate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here