Da un incrocio col San Marzano nasce il REALTOMATO

0
298

SCAFATI (SA). La famiglia dell’Oro rosso si arricchisce di un nuovo componente. È in arrivo sulle tavole di tutto il mondo il Realtomato (ex “Superpomodoro”), nato dall’unione di linee pure di S. Marzano e Purple Tomato, e destinato a rivoluzionare la Dieta Mediterranea, ma soprattutto la nostra cultura dell’oro rosso.

Il vegetale è il frutto dell’ostinazione scientifica di un gruppo di ricercatori e della costanza di chi crede nel territorio e nella ricerca come veicolo di innovazione tecnologica e fonte di benessere. Artefici di questo “matrimonio” sono il produttore agricolo Francesco Cavallaro, gli imprenditori Giovanni Casciello e Gennaro Cavallaro, titolari dell’azienda “Il Pomo d’oro” srl, con sede in via Lo Porto a Scafati, un gruppo di ricercatori dell’ICB (Istituto di chimica biomolecolare) del CNR di Pozzuoli, formato dai professori Barbara Nicolaus, Pina Tommonaro e Rocco De Prisco, e i docenti della facoltà di Farmacia dell’Università di Salerno, professori Carmela Saturnino e Vincenzo De Feo, e l’agronomo Salvatore Viscardi.

Il nuovo nato sarà presentato alla stampa, venerdì 16 dicembre 2011, alle ore 10:30, presso la sala Congressi del Polverificio Borbonico di Scafati. Alla conferenza saranno presenti i promotori dell’iniziativa, il sindaco di Scafati Pasqualino Aliberti, l’assessore provinciale all’Agricoltura Mario Miano, i ricercatori, l’urologo Antonio Brando consigliere del direttivo della Lilt (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) di Salerno e il dirigente scolastico dell’I.P.S.A.R. (Istituto professionale per i servizi alberghieri e ristorazione) “Ten. Pittoni” di Pagani, Rosanna Rosa. Modera il giornalista del Tg3 Campania Rino Genovese.

Abbiamo messo a coltura, tra Scafati e Nocera, ben 43 ecotipi sperimentali di pomodoro, tra cui è nato l’“ibrido” Real Frangis*, in via di registrazione presso il Ministero delle Politiche agricole, prodotto in seguito all’incrocio dei corredi genetici delle due tipologie di pomodoro, tramite impollinazione naturale e senza alcuna manipolazione – afferma Francesco Cavallaro, direttore tecnico della società Il Pomo d’oro -. Da quest’ultimo è poi nato, lo scorso mese di aprile, il Realtomato che ha una forma tondeggiante e un colore rosso fuoco. Il nome Realtomato richiama la nostra terra, in particolare l’Abbazia della Real Valle di Scafati, e il forte legame che questo pomodoro ha con la nostra tradizione, storia e cultura. Realtomato è anche il nome del marchio della nostra linea di produzione che sarà realizzata in collaborazione con la De Clemente conserve S.p.A. di Scafati e comprende polpa, passata, filetto e polvere di pomodoro pelato, sughi pronti e confettura di marmellata”.

Una selezione dei prodotti sarà esposta durante la conferenza.

Venerdì 16 dicembre saranno presentati alla stampa i risultati delle ricerche sulle proprietà organolettiche e salutistiche del Realtomato effettuate dall’ICB-CNR. Prosegue intanto la sperimentazione su altri tipi di pomodoro dell’Agro nocerino sarnese e sui loro effetti protettivi sul cancro da parte del Crom di Mercogliano (Av), diretto dal ricercatore Antonio Giordano, direttore dello Sbarro Institute di Philadelphia (USA).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here