Ad Otranto resta confermata l’imposta di soggiorno. Legambiente: risorse indispensabili

0
238

LECCE. “Legambiente esprime viva soddisfazione per la sentenza del Tar di Lecce che ha respinto i ricorsi contro il Comune di Otranto presentati da Confindustria, Confesercenti e un gruppo di albergatori contro l’introduzione della imposta di soggiorno”, dichiara Francesco Tarantini, Presidente Legambiente Puglia.

Gli imprenditori avevano chiesto l’annullamento della delibera del Consiglio comunale con la quale è stata istituita la tassa a carico del turista che varia da uno a due euro, a seconda del livello dell’albergo in cui si soggiorna. Grazia all’imposta di soggiorno tanto avversata, nel 2011 sono entrati nelle casse comunali circa 500.000 euro, risorse importanti e indispensabili per garantire buoni servizi ai turisti e ai cittadini senza dover così aumentare le tasse ai residenti, come quella dei rifiuti.

 

La decisione del Tar – conclude Francesco Tarantini – rafforza la scelta di un Comune che ha deciso di imboccare la strada del turismo di qualità facendo ricorso alle risorse aggiuntive previste dalla legge per migliorare la qualità dei servizi ambientali a fronte dei disagi creati dai grossi flussi turistici che si riversano nelle piccole località costiere”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here