Per la Fiera Città della Nocciola, appuntamento con “Noccioliamo in tour”

0
520

NOCCIOLECASTELLERO (AT). Continua con la tappa di Castellero D’Asti il 13 ottobre 2013, “Noccioliamo in tour”, il “viaggio sensoriale” alla scoperta dei territori della nocciola italiana e delle varietà più pregiate. Un progetto a cura dell’Associazione Città della Nocciola con la collaborazione del comune per promuovere la nocciola italiana. Un viaggio nei territori che coltivano questo straordinario e goloso frutto, tra laboratori, mostre, percorsi , concorsi e degustazioni guidate a base di nocciola.
L’Associazione Nazionale Città della Nocciola e il comune di Castellero organizza il laboratorio Noccioliamo “dal Campo al forno” domenica 13 ottobre 2013 alle ore 10 presso la sala di degustazione dell ‘azienda Agrival di Castellero.
Il percorso sensoriale sarà guidato dall’esperta Nocciotester Irma Brizi e dedicato alla storia, alle curiosità e alla filiera con assaggio delle tre nocciole italiane certificate (Nocciola Piemonte IGP, Nocciola di Giffoni IGP, Nocciola Romana DOP). Gli ospiti assaggeranno in anteprima il raccolto corilicolo 2013 .
Pronti a svelarvi tutti i segreti di questo frutto, orgoglio italiano, ci sarà anche una esposizione di oltre 30 diverse varietà di nocciola italiana.
Questa tappa di Castellero D’Asti di “Noccioliamo in tour”, si chiuderà con un abbinamento eccezionale: la Torta Sbrisolona Agrival di A. Sticca & Mellis e il Moscato bianco vendemmia tardiva de La Ganghija di E. Rapalino.
Quest’appuntamento esalta la nocciola italiana oramai considerata un prodotto di eccellenza ottenuto dalla magica intesa fra l’uomo e la natura, fra il lavoro umano e la vocazione del territorio.
Per celebrare la nocciola italiana, l’Associazione è sempre attiva sulla pagina Facebook ufficiale che terrà gli appassionati quotidianamente aggiornati su tutte le iniziative di Città della Nocciola, oltreché sul mondo e sui territori di questa eccellenza tutta italiana.
Il nostro Paese non solo è il secondo produttore al mondo – dopo la Turchia – ma può vantare anche la nocciola riconosciuta da numerose ricerche, superiore per qualità nutrizionali ed organolettiche rispetto alle altre varietà prodotte all’estero.
Attualmente sono 240 i comuni italiani aderenti coinvolti nella produzione di nocciole. “E, nel nostro Paese – dichiara il Presidente Rosario D’Acunto – sono già tre le regioni che hanno ottenuto importanti riconoscimenti di qualità: il Piemonte e la Campania con le IGP, rispettivamente per la varietà Tonda Gentile Trilobata e per la Tonda di Giffoni; mentre il Lazio ha ricevuto la DOP per varietà Tonda Gentile Romana”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here