BORGO MEDIEVALE TORINOTORINO. Un weekend per celebrare il rientro dalle vacanze e condividere il piacere della birra artigianale con le creazioni proposte da alcuni tra i migliori birrifici, brewpubs e beershops presenti in Italia e in Piemonte. Sono marchi storici o giovani artigiani emergenti, che abbiamo selezionato accuratamente, per introdurre il grande pubblico all’universo birrario ma anche i beer hunters più incalliti.
Una due giorni per ritrovarsi e stare insieme, per assaporare ancora il tepore dell’estate, immersi nel verde che circonda il Borgo Medievale con tutto il suo fascino, tra degustazioni e assaggi, showcooking e ateliers, performances ed incontri. Un autentico Beer Septemberfest condito da tanta musica, artisti circensi e di strada, danze dei paesi della birra, street food, buoni prodotti e mille curiosità proposte dai giovani creativi e designer che animeranno un’area dedicata allo shopping design.
L’evento, ideato e curato dal giornalista “gastronomade” Vittorio Castellani, meglio conosciuto come Chef Kumalé, in collaborazione con la Fondazione Torino Musei, si presenta dunque come una vetrina dedicata alla birre artigianali ma anche al buon cibo, ai migliori prodotti enogastronomici ed ai nuovi “fermenti” in ambito creativo.

Il BEER2PEER è strutturato in diverse sezioni.

BIRRE A 360° AL BORGO

Un percorso di degustazione che si snoda lungo le vie e cortili del Borgo Medievale per scoprire le decine di varietà di birre artigianali servite alla spina da alcuni tra i brewmasters che hanno reso famose le birre italiane nel mondo; dal piemontesissimo Teo Musso (Le Baladin) ai nostri vicini di casa lombardi Agostino Arioli, del prestigioso Birrificio Italiano e Alessandro Campanini (Birrificio Doppio Malto) fino al centro dello Stivale con Leonardo di Vincenzo (Birra del Borgo). Non mancheranno i Maestri del Gusto locali, presenti con due eccellenze: il Birrificio Beba ed il Birrificio San Paolo, né gli sperimentatori come il Black Barrell di Renzo Losi, che matura le sue birre in barrique o gli innovatori della filosofia brewfirm come Officine Antagonisti, giovani brewmaster che producono in una borgata sperduta della Val Varaita birra artigianale Saison nello stabilimento dei propri sogni, quello che non hanno.
Il Paese ospite (virtuale) di questa prima edizione saranno gli Stati Uniti d’America, presenti con una selezione di oltre 70 birre artigianali proposte sia in lattina che in bottiglia, dal nuovo American Buffalo Beer Shop di Torino, con etichette provenienti dallo Stato di New York, Maine, North Carolina, Louisiana e dal Canada e una birreria artigianale che produce la birra 100% senza glutine, campione del mondo in carica, e ancora deliranti gadgets a tema birrario. Il Bir & Flut Beer Shop aprirà invece una finestra sul mondo con una selezione di birre internazionali in bottiglia.
E poiché birra è sinonimo di cultura, l’Associazione Unionbirrai curerà una serie di laboratori di “alfabetizzazione birraria”, pensati per chi si vuole avvicinare ai vari stili di birre, condotti da un grande esperto: Marco Giannasso in collaborazione con i birrifici presenti all’evento e alcuni ospiti.
Siamo all’interno del Borgo Medievale, quindi verrà organizzata una “cotta” di birra commentata dallo storico medievista Ugo Gherner del CRISM (Centro di Ricerca sulle Istituzioni e le Società Medievali), con aneddoti e curiosità sulla produzione brassicola nell’Età Media.
Completano la sezione: un ciclo di Beer ShowK, showcooking a tema birrario a cura di Chef Kumalé e dei suoi ospiti, per illustrare alcune ricette che vedono la birra come protagonista, realizzate in diretta step by step e degustate in abbinamento ad una selezione di birre artigianali e lo spazio Beer Fever, curato dall’Associazione Amici della Birra, dedicato al collezionismo birrario.

STREET FOOD | FOOD CART | PUB FOOD | FEAST FOOD | GOOD FOOD

Grazie ad un gemellaggio con il Festival Internazionale del Cibo di Strada di Cesena, il primo e più importante evento presente in Italia dedicato allo street food, ospiteremo due chioschi. Il primo sarà dedicato all’icona della cucina di strada della costa adriatica: la piadina romagnola, che verrà proposta nella sua versione più autentica dalle mani sapienti delle piadaiole dell’Associazione per la Valorizzazione della Piadina Romagnola, la realtà che riunisce i migliori chioschi che ha portato avanti una forte opposizione al riconoscimento dell’IGP alla Piadina Romagnola di produzione industriale. Il secondo chiosco sarà votato al world food con una delle sue cucine più apprezzate e abbinabili alle birre e alle spezie che spesso le aromatizzano, l’indian street food a cura del Ristorante Gandhi di Torino (miglior ristorante indiano in città selezionato dalla guida BestEathnic).

Al pub praghese Klec Blazna spetterà il compito di proporre pub food di cucina dell’area mitteleuropea, mentre la Cascina Roland ci porta già verso la Via Francigena, con i suoi taglieri di salumi e formaggi della Val di Susa, quelli delle nostre sagre paesane (Feast Food) fino a varcare le alpi con le crêpes bretoni di Max and Britany, che ci raggiungerà appositamente da Parigi con il suo food cart, perché Torino festeggia per tutto il 2013 il suo gemellaggio con la Francia.

Sapendo che la birra si accompagna benissimo con i buoni prodotti, allestiremo un piccolo mercato con alcuni artigiani e aziende agricole di pregio in collaborazione i Maestri del Gusto dalla Camera di Commercio di Torino e con le aziende agricole di Coldiretti “Campagna Amica”. I formaggi saranno presenti con il loro miglior ambasciatore la storica formaggeria Borgiattino (Maestro del Gusto), i mieli con l’apicultore nomade per eccellenza Andrea Paternoster di Mieli Thun dalla Val di Non (Trentino), che delizia stellati e mastri birrai con i suoi nettari monovarietali, le spezie con le varietà più rare dal Madagascar di Edith Elise Jaomazava, i pani e le birre biologiche realizzate in osservanza con i principi ayurvedici saranno quelli di Biosophia.

+ C R E @ T T I V I T Á

Il mondo della birra è sinonimo di fermento e porta una ventata di ottimismo e speranza in tempo di crisiŠ Quanti mastri birrai di prestigio, compresi quelli presenti a B2P, hanno iniziato la loro carriera in garage o in cantina, senza mezzi, ma con tanta passione e voglia di riuscire? Ecco spiegato in due parole il legame tra il nostro Bierfest e i giovani creativi e designers.

Ecco il senso dello spazio di esposizione e vendita che riserveremo ad una serie di nuove realtà locali, che si stanno distinguendo in questo momento di crisi per la loro spinta innovativa ed energia creativa: giovani designer, artigiani contemporanei e nuovi agricoltori, produttori di buon cibo o di semplici oggetti di pregio. In questo contesto, il collettivo FarWaste creerà un allestimento e alcune mini installazioni riciclando alcune migliaia di bottiglie usate dei birrifici presenti.

ARTISTI CIRCENSI | STREET MUSIC | BEER DANCES

L’evento sarà animato dagli artisti circensi della Scuola di Cirko Vertigo, con la quale ci siamo legati in occasione della XII edizione del Festival Internazionale Sul Filo del Circo che si svolge fino al 15 settembre al Teatro Le Serre di Grugliasco. A loro spetterà il compito di aprire il B2P Bierfest con uno spettacolo acrobatico, mentre gli artisti di strada riempiranno gli spazi con giocoleria e mimi. Sono Fatos Alla (Albania) acrobata verticalista formatasi tra Mosca e Pechino e la sua collega contorsionista Agnesa, in grado di far scoccare una freccia tenendo l’arco con i soli piedi, e ancora, l’equilibrista Rafael Martin dal Brasile, Marcel Zuluga Gomez acrobata al palo cinese, giocoliere, equilibrista e clown colombiano.
L’Associazione La Valigia Blu sarà ospite dell’evento con i suoi musicisti buskers (I Reverendi Blues Duo, Andrea Ferroni, Thomas Guiducci & The B-Folk Guys, Mauro Basilio) mentre le scuole di danza Arte Folk, Honki Tonk, John O’Leary, Old Wild West, Paranza del Geco coinvolgeranno il pubblico con le Danze delle terre della Birra: occitane, franco provenzali, celtiche, irlandesi, ma anche Old Contry West e Rock’n’Roll Jive.

IL BORGO E LA ROCCA MEDIEVALE

Nel 1884 a Torino, nel Parco del Valentino, si svolse l’Esposizione generale italiana artistica e il Borgo ne divenne la Sezione di arte antica. Una commissione formata da letterati, storici, artisti, architetti, archivisti, esperti di oggetti d’arte guidata da Alfredo d’Andrade, si concentrò su un unico secolo, il Quattrocento, ed un unico territorio, la Valle d’Aosta e il Piemonte. Iniziarono così le ricerche e gli studi sugli edifici da riprodurre al Borgo: un progetto d’invenzione che voleva però riprendere con precisione filologica elementi architettonici, decorativi e di arredo tratti da modelli originali del secolo XV. I

l Borgo è uno dei più significativi prodotti di una corrente culturale, il neomedievismo ottocentesco, che, pur con forme e finalità differenti, ha lasciato in tutt’Europa importanti testimonianze nell’architettura, nelle arti, nella letteratura e nel gusto e che ebbe particolare fortuna a Torino e in Piemonte.
Il Borgo Medievale è una location di rara bellezza che occupa una superficie complessiva di circa 9.000 metri quadrati e rappresenta insieme alla Mole Antonelliana uno dei simboli e dei luoghi più amati dai torinesi e dalle migliaia di turisti che lo frequentano ogni anno. Il Borgo vanta infatti 500.000 visitatori l’anno.

Borgo Medievale
Viale Virgilio 107 – Torino

ORARI
Sabato 7 settembre 2013: dalle 12 alle 23
Domenica 8 settembre: dalle 10 alle 23
Ingresso libero

INFORMAZIONI
INFO BORGO MEDIEVALE: tel. 011 4431704-01
Vittorio Castellani
Mobile 335 6647579
Email: chef@kumale.net
www.beer2peer.it

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here