XXX Sagra del Carciofo violetto. Nel centro storico anche la “cucina” firmata Slow Food

0
335

NISCEMI (CL). Degustazioni, cultura e tanti carciofi nei vicoli storici della città addobbati in festa. E’giunta alla XXX Edizione la Sagra del Carciofo violetto di Niscemi che si svolgerà dal 16 al 18 aprile nel centro storico di Niscemi.

L’inaugurazione si svolgerà oggi, alle 16:00,  a Largo Mascione con i saluti del sindaco Giovanni Di Martino, l’assessore all’agricoltura e allo sviluppo economico Salvatore Amato, il presidente del consiglio comunale Francesco Alesci. L’inaugurazione continuerà con il corteo che si concluderà in piazza Vittorio Emanuele, accompagnato dai gruppi folkloristici, majorettes, banda musicale e la visita degli stand espositivi.

Le iniziative proseguiranno nel pomeriggio con l’inaugurazione delle mostre presso fotografiche e di costumi d’epoca  presso la biblioteca comunale “Mario Gori” e Palazzo Buscemi (via XX Settembre). (vedi programma). La giornata si concluderà alle 21,30 con il defilè di moda in piazza V. Emanuele.

Sabato 17 aprile sarà inaugurato con un incontro, alle ore 11:00, su: “I giorni delle Rinnovabili”, che si terrà presso l’Aula consiliare. A concludere la seconda giornata di sagra sarà il concerto, alle 21,30, di Riccardo Fogli e Tony Maiello e Carlo Kaneba, con Insieme Tour 2010 Salvo La Rosa.

La terza e ultima giornata so aprirà con la gara ciclistica in contrada Piano Mangione, proseguirà con artisti di strada, street band, giocoleria con il fuoco per concludersi con la quarta edizione dello spettacolo finale: “Note come per incanto” condotta da Lorena Mangiapane.

“La sagra del carciofo di Niscemi – afferma il sindaco – rappresenta un momento in cui la città si racconta sotto le sue molteplici vesti. Parla la nostra economia, la nostra storia, la cultura e le bellezze della nostra città. Dal momento in cui mi sono insediato abbiamo voluto ridare alla Sagra l’essenza della tipicità, della localizzazione esaltando le qualità del nostro carciofo e insieme la città.

La scelta di portare la Sagra tra i vicoli del centro storico si è rivelata, negli ultimi anni, una scelta vincente, proprio perché le stradine del centro, i suoi vicoli danno il sapore del festival popolare che la sagra rappresenta”.

Nuovi protagonisti per la XXX Sagra: sarà presente anche la cucina Slow Food. “La nostra idea – ha detto l’assessore al ramo Salvatore Amato – è quella di mantenere la tipicità del carciofo violetto, per questo, in occasione della sagra faremo degustare il prodotto trasformato, ma anche in forma naturale. Siamo riusciti a creare, con una sperimentazione, il carciofo violetto originario, con le sue tipicità e su questa strada vogliamo continuare perché sta diventando un prodotto così raro da perdersi.

A Niscemi realizzeremo un presidio Slow Food perché meglio si presta alla nostra idea di economia basata sull’agricoltura. Un sistema che guardi al sistema globale per competere con le sue tipicità”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here