In vigore le nuove norme per la pesca nel MediterraneoTimore per i nostri piatti tipici

0
233

“Dal primo giugno 2010 entrano in vigore le nuove norme in materia di regolamentazione degli attrezzi e dell’attività di pesca nel Mediterraneo (Reg. CE 1967/2006) che se nel lungo termine potrebbero dare risultati, di fatto nel medio e breve termine penalizzano la pesca nazionale con sistemi a traino e pertanto appare necessario attivare misure economiche a sostegno della flotta per i sacrifici, che ricadono unicamente sui produttori”.

E’ quanto afferma Tonino Giardini presidente di Impresa Pesca che aderisce alla Coldiretti nel sottolineare che “confortante appare l’impegno che l’amministrazione sta mettendo sulle deroghe in materia di distanze di pesca per quanto riguarda i molluschi bivalvi (cannolicchi e telline) patrimonio della gastronomia nazionale, che i criteri comunitari hanno mal valutato e che l’opera dello Stato italiano cerca di riportare a corrette misure di tutela”.

Con l’entrata in vigore della nuova normativa è diffuso il timore di non poter più avere sulle tavole alcuni prodotti della gastronomia ittica, in particolare per quelle specie di minore taglia che l’allargamento delle maglie delle reti non permetterebbe più di catturare.

Da Impresa Pesca viene però un  invito a lavorare per un concreto sostegno al settore senza eccessivi allarmismi in quanto la stragrande maggioranza delle specie ittiche continuerà ad essere presente nei piatti nazionali. Il pacchetto di richieste preparato dal Ministero delle Politiche Agricole da inviare all’Unione Europea per venire incontro alle tante istanze di deroghe che giungono da varie realtà delle Penisola è pienamente condivisibile ma – conclude Giardini – occorre responsabilmente intervenire sulle pesche rivolte alla cattura di neonate sarda, che sono uno scempio tutto nazionale e non più tollerabile, che vanno contro l’etica della pesca, e non sono in linea con la necessità di recuperare una risorsa importante per la pesca nazionale, che nell’ultimo decennio è quasi scomparsa dai nostri mari. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here