Eataly: a New York maggio è all’insegna del Soave Lo style per la generazione Millennium

0
301

NEW YORK. Sarà il Mese del Soave, ovvero il Soave Month, quello che partirà il prossimo 2 maggio e proseguirà per quattro settimane ad Eataly – 20.000 ingressi al giorno, attualmente tra le top five destination della Grande Mela – lo scrigno dell’agroalimentare italiano nel cuore di Manhattan all’incrocio tra Fifth Avenue e la 23esima, inaugurato lo scorso anno da Oscar Farinetti, e già meta ambita e ricercata da Newyorkesi e turisti.

Il Soave sarà l’unico vino protagonista per tutto il mese e ad esso saranno dedicati seminari, degustazioni ed approfondimenti durante i quali i produttori saranno chiamati in prima persona a presentare i loro prodotti.

Il “Maggio Soave” sarà ufficialmente inaugurato con una conferenza stampa il 2 di maggio alle ore 17.00 all’interno di Eataly ed in tale sede verrà presentato in anteprima assoluta “Soave Style”, il lavoro fotografico di Giò Martorana, fotografo di moda prestato al vino, che ha dato la sua interpretazione del Soave e del suo paesaggio.

A quasi due anni dall’inizio dell’azione promozionale del Consorzio del Soave negli Stati Uniti, quello di Eataly rappresenta un appuntamento per oggi uno degli appuntamenti di massima attenzione mediatica nei confronti della denominazione veronese, forte delle conferme che sta ricevendo dai consumatori americani. Con il Mese del Soave prosegue quindi l’azione di valorizzazione finalizzata a far ritrovare al vino Soave quel patinato allure di cui godeva un tempo quale vino simbolo dell’alta enologia italiana.

Per tutta la durata del mese i vini delle aziende aderenti all’iniziativa saranno presenti contemporaneamente in tutti i ristoranti e nei bar di Eataly, suddivisi su base settimanale così da garantire una rotazione regolare per tipologie e zone di provenienza.

Ogni singola azienda poi potrà effettuare degustazioni guidate all’interno de “La Scuola”, uno spazio apposito dentro ad Eataly, dedicato alla “didattica enogastronomica”, per soddisfare i numerosi appassionati di cucina italiana.

Nelle quattro settimane poi, il venerdì sera e il sabato pomeriggio, i produttori potranno promuovere i propri vini direttamente nell’enoteca di Eataly, un’area contigua alla struttura principale, dove accanto alle bottiglie di Soave verranno distribuiti appositi gadget, studiati dal Consorzio.

Le azioni poste in essere sono particolarmente rivolte allo specifico target della Millennium generation cioè giovani tra i 21 e i 34 anni, corrispondenti a circa 85 milioni di potenziali consumatori,  con un grado culturale più omogeneo ed elevato, che amano scegliere prodotti e vini esteri e che utilizzano internet per informarsi.

E proprio alla Millennium Generation è rivolta anche l’importante azione di rilancio mediatico del Soave.

In tale senso il lavoro “Soave Style”, firmato da Martorana rappresenta la bandiera di un nuovo concetto di comunicazione che il Consorzio ha inteso seguire per parlare il linguaggio dei giovani consumatori e per farsi da essi comprendere. Indispensabile in tal senso seguire un approccio cross-mediale, vale a dire un intenso interfacciarsi tra media tradizionali e nuovi media.

In questa prospettiva va letto il restyling del sito del Consorzio, www.ilsoave.com, la creazione di un blog specifico per gli americani, una intesa attività a livello di social network, da Facebook a Twitter solo per citare i più noti, l’apertura di un canale youtube dedicato e la scelta di utilizzare video emozionali, interviste e video dei produttori soci, per assicurare una veicolazione del messaggio ancora più immediata.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here