Cous Cous Fest: dal 21 al 26…9 Paesi in gara ai fornelli

0
135

SAN VITO LO CAPO (TP). Sarà all’insegna dello slogan “What a colorful world” la prossima edizione del Cous Cous Fest, Festival internazionale dell’integrazione culturale in programma a San Vito Lo Capo dal 21 al 26 settembre 2010. L’evento,  alla tredicesima edizione, celebra un confronto tra paesi dell’area euro-mediterranea e non solo, prendendo spunto dal cous cous, piatto della pace comune a moltissime culture.

La manifestazione, organizzata dal Comune di San Vito Lo Capo in collaborazione con l’agenzia Feedback e i main sponsor Banco di Sicilia Unicredit Group ed Electrolux Professional, si ispira ad un mondo pieno di colori, un “colorful world” dove convivono le differenze tra culture, popoli e tradizioni, lo spirito appunto della rassegna sanvitese che vede come protagonista il cous cous, piatto ricco di storia ed elemento di sintesi tra culture, simbolo di apertura, meticciato e contaminazione.

Edoardo Raspelli, critico gastronomico e conduttore della trasmissione Melaverde, (nella foto di Nadia Ceriani insieme a Donatella Bianchi, la modella Ksenyia Zaynak e la squadra italiana vincitrice dell’ultima edizione) al timone per il secondo anno consecutivo della giuria tecnica che valuterà i cous cous in gara, sarà affiancato dalla conduttrice di Linea Blu, Donatella Bianchi e dalla giornalista del Gambero Rosso Laura Ravaioli, esperta di food.

Nove paesi, Algeria, Costa d’Avorio, Francia, Israele, Italia, Marocco, Palestina, Senegal e Tunisia, parteciperanno ad una colorata gara di cous cous all’insegna dello scambio, dell’amicizia e dell’integrazione tra i fornelli. A San Vito Lo Capo, infatti, il piatto del cous cous, ribattezzato piatto della pace, diventa il pretesto per fare dialogare i popoli, per un confronto a tavola che è, prima di tutti, un confronto culturale che valorizza le differenze all’insegna dello slogan "Make cous cous not war".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here