Buoni risultati per il Sannio a La Selezione del SindacoMa a trionfare è il Ben Ryè

0
253

ROMA. Sono stati proclamati lo scorso 6 luglio i vincitori del concorso enologico internazionale “La selezione del Sindaco 2010”. Il Comune di Benevento è stato rappresentato dall’assessore alle Attività Produttive, Pietro Iadanza, membro del Consiglio direttivo nazionale dell’associazione “Città del Vino”. L’assessore ha accompagnato l’azienda vinicola di Benevento “Fontana Reale” che ha concorso con il suo ‘Morgia Noce – doc vendemmia 2007’, che è stato premiato nell’ambito della settima rassegna di vini-bio con la medaglia d’argento.

Medaglia d’oro, invece, per Podere Veneri Vecchio di Castelvenere col vino Perdersi e Ritrovarsi, realizzato dall’enologo Raffaello Annicchiarico.

In autunno la convention ‘Città del Vino’ che si terrà a Benevento e nel Sannio dal 16 al 19 settembre, resa possibile dalla collaborazione tra il Comune, la Provincia e la Camera di Commercio di Benevento.

E’ il Passito di Pantelleria Ben Rye’ 2008 di Donnafugata, una delle firme enologiche più famose di Sicilia, che si aggiudica la gran medaglia d’oro alla "Selezione del Sindaco 2010", il concorso enologico internazionale delle Citta’ del Vino con il Patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

 

La Selezione del Sindaco – l’unico concorso enologico internazionale che prevede la partecipazione congiunta dell’Azienda (che produce il vino) e del Comune (in cui sono localizzate le vigne) – si propone di valorizzare le piccole partite di vino di qualità, frutto della tradizione e di un ben individuato territorio, e di favorirne la conoscenza anche attraverso Internet. La partecipazione è riservata ai vini di qualità (Docg, Doc, Igt) prodotti in piccole partite. Ogni anno, nel rispetto del carattere anche didattico che la rassegna si propone, è coinvolta una scuola ad indirizzo agrario. La Selezione del Sindaco è un concorso enologico itinerante, che cambia cioè ad ogni edizione la sede delle sessioni di assaggio nell’intento di valorizzare al meglio tutti i territori delle città del vino. A partire dalla sua prima edizione che nel 2002 si è svolta a Siena, la manifestazione ha percorso l’Italia dal Nord al Sud coinvolgendo Conegliano (2003), Alba (2004), Roma (2005), Ortona (2006), Monreale (2007), Cividale del Friuli (2008), San Michele all’Adige (2009).

 

Ecco allora la "top ten" dei vini che, sottoposti ad una degustazione nel rispetto dei parametri O.I.V., effettuata da oltre 80 giudici tra enologici, enotecnici, assaggiatori, sommelier e giornalisti del settore di livello internazionale, ospiti a Brindisi in Puglia – in collaborazione Regione Puglia, Provincia, Comune e CCIAA di Brindisi – hanno ottenuto il punteggio più elevato, tra gli oltre 1.100 vini presentati in concorso da più di 200 comuni:

alla "gran medaglia d’oro" Ben Rye’ 2008 Donnafugata, che ha ottenuto il massimo punteggio, seguono le gran medaglie d’oro (riconoscimento assegnato ai vini che superano i 92 centesimi di valutazione) dell’Alto Adige Lagrein Riserva Puntay 2007 e dell’Alto Adige Moscato Giallo Barleit 2009, entrambi della cantina Erste & Neue di Caldaro sulla Strada del Vino (Bolzano); tra le medaglie d’oro, ai primi posti, il Colli Eugani Fior d’Arancio Passito 2007 della cantina Ca’ Lustra di Cinto Euganeo (Padova), il Marsala Riserva del Centenario 1980 Doc prodotto dalla Carlo Pellegrino a Marsala (Trapani), il Veneto Racimus Igt Cabernet 2004 della cantina Cottini di Fumane (Verona), e, a seguire, il Colli Perugini Rosso L’Arringatore 2006 dell’azienda Goretti di Perugia, il Colli Euganei Fior d’Arancio Passito 2006 che Villa Sceriman produce a Vo’ Euganeo (Padova), il Sicilia Egisto Grillo 2009 della Orestiadi di Gibellina (Trapani) e il Salice Salentino Rosso Limitone dei Greci 2006 della canina Paolo Leo di San Donaci (Brindisi).

Il medagliere delle regioni italiane (3 gran medaglie d’oro, 108 medaglie d’oro e 240 medaglie d’argento assegnate in totale) protagoniste dell’edizione 2010 del concorso delle Citta’ del Vino – in collaborazione con Recevin-Rete Europea delle Città del Vino e con il patrocinio scientifico dell’O.I.V.-Organisation Internazionale de la Vigne e du Vin – vede in testa il Veneto, seguito dalla Sicilia e dalla Puglia, mentre i vini del Portogallo hanno fatto registrare le migliori performances tra i Paesi europei.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here