ALSIA: In Basilicata è guerra ai fitofarmaci

0
236

L’agricoltura biologica e la lotta integrata si fanno sempre più spazio nelle campagne italiane, in nome di quella qualità che ricade certamente sul prodotto ma anche sulla nostra salute e su quella del nostro ambiente.

E questa politica agricola è condivisa e promossa anche dall’ALSIA, l’agenzia lucana per lo sviluppo in agricoltura, che il 29 gennaio a Potenza ha tenuto il convegno di presentazione del consuntivo fitosanitario 2009.

Fiore all’occhiello della regione è la lotta biologica alle malattie di alcuni prodotti agricoli come gli agrumi, che si effettua grazie all’allevamento di insetti utili, all’interno dell’insettario dell’azienda sperimentale Pantanello di Metaponto, in funzione fin dal 1989.

Una realtà di piccole dimensioni, ma che sta avendo notevole successo, come dimostra il fatto che anche le regioni limitrofe si rivolgono all’impianto lucano, che sta cominciando ad effettuare anche test di validità su materiale per la lotta biologica proveniente da fuori.

Tra le altre attività innovative effettuate all’insettario c’è anche il biomonitoraggio dell’inquinamento attraverso l’utilizzo delle api, insetti particolarmente sensibili al cattivo stato di salute dell’ambiente.

Tra le ricadute principali di una politica di diminuzione dei pesticidi, come indicato dal convegno, il miglioramento delle produzioni, la riduzione dei costi di produzione, l’aumento dell’occupazione specializzata, la riduzione dell’impatto ambientale, il miglioramento della pianificazione del territorio.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here