Alla Città del Gusto torna “Slurp – Uno chef per amico”

0
297

NAPOLI. I bambini italiani mangiano tanto e male. Poca attività fisica, cibi grassi e poca verdura: sono queste le cattive abitudini dei piccoli del Belpaese, poco inclini ad una sana nutrizione. L’appuntamento è per il 9 febbraio 2010, alle ore 10.30, presso la Città del Gusto a Napoli. Lì ad un talk show seguirà una vera e propria gara culinaria con i futuri chef dell’Istituto Alberghiero del “Villaggio dei Ragazzi” di Maddaloni (CE) che cucineranno per i buongustai di domani!

«Il recente studio del progetto europeo Periscope, che ha preso in considerazione un campione di circa 1200 bambini in età compresa tra i 3 e i 6 anni negli asili di Italia, Danimarca e Polonia – dichiara Vito Amendolara, direttore di Coldiretti Campania – conferma che i nostri piccoli sono quelli che presentano una più alta percentuale di sovrappeso e obesità, con il 21,2%. Gli italiani sono anche i bambini che si muovono di meno: ben il 50% non può giocare all’aperto contro l’1% dei danesi e polacchi, nonostante siano Paesi dove il clima è meno mite. La vera novità di quest’anno è che vogliamo coinvolgere anche la generazione dei futuri chef per educarla ad un nuovo modo di cucinare per i bambini».

 

A seguire, dunque, la gara culinaria: gli aspiranti chef dell’Istituto Alberghiero di Maddaloni, coadiuvati da famosi cuochi campani, prepareranno un piatto unico destinato ai più piccoli, da sottoporre alla giuria di giornalisti del settore. I “senior chef”, che coordineranno la gara, sono: Peppe Daddio, Locanda delle Trame di Caserta; Alfonso Caputo, La Taverna del Capitano di Marina del Cantone (NA); Raffaele d’Addio, Il foro dei Baroni di Puglianello (BN); Nicola Miele, Città del Gusto di Napoli. Alle 12.30 si aprirà il buffet per i bambini delle scuole che hanno aderito al progetto.

 

Il progetto “Slurp – Uno chef per amico” già da cinque anni promuove una corretta educazione alimentare, attraverso la sensibilizzazione del mondo della ristorazione per la creazione di menù dedicati ai più piccoli. Dal 2009, inoltre, un gruppo di 100 bambini, appartenenti a 5 scuole elementari di Napoli, si è dedicato ad un simpatico lavoro: coltivare un orto, ottenere sani prodotti e seguire in prima persona l’intera filiera agricola.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here