Aglianico del Taburno: il protagonista di Vinestate a Torrecuso

0
272

TORRECUSO (BN). Dal 2 al 5 settembre prossimi nella bella cittadina del Sannio beneventano, torna Vinestate, la rassegna dedicata all’Aglianico del Taburno.

L’appuntamento, fra i più attesi fra gli eventi dedicati al vino in Campania, ed è il penultimo in ordine cronologico del progetto “Tra Cantine e Borghi d’Arte” (direttore artistico Puccio Corona), varato dalla Provincia di Benevento, l’Ente Provinciale per il Turismo di Benevento ed i comuni di Castelvenere, Guardia Sanframondi, Sant’Agata de’ Goti, Solopaca e Torrecuso, con l’intento di promuovere e valorizzare il territorio sannita puntando i fari sulla sua notevole tradizione vitivinicola.

   Vinestate è organizzata dal comitato Vinestate, in collaborazione con il comune di Torrecuso ed il patrocinio di: Regione Campania, Provincia di Benevento, Ept di Benevento,Camera di Commercio di Benevento, l’Associazione Aglianico del Taburno, l’Associazione culturale Taburno – Camposauro, l’Università degli Studi del Sannio, Pro Loco di Torrecuso, l’Associazione O.T.E.T. e la Scuola del Gusto.

  Ventuno le aziende vitivinicole in vetrina: Cantina del Taburno, Cantine Iannella Antonio, Cantine Tora, Caputalbus, Caudium Vini, Cav. Mennato Falluto, Fattoria La Rivolta, Fontanavecchia, I Colli del Sannio, Il Poggio, “La Dormiente” di Ariano Agnese, Nifo Sarrapochiello, Ocone – Agricola Del Monte, Ocone Giovanni, Taburni Domus, Terre d’Aglianico, Terre Longobarde, Torre a Oriente, Torre dei Chiusi, Torre del Pagus e Torre Varano.

  A Vinestate per tanti appassionati e curiosi, ancora una volta, una passeggiata tra il dedalo di vie del borgo antico di Torrecuso, diventerà un vero e proprio viaggio alla scoperta di prodotti ed emozioni che hanno come protagonista la cultura del vino e del territorio del Taburno.

 Del ricco cartellone fanno parte: convegni ed incontri, mostra-mercato, degustazioni, laboratori sensoriali e mercato di prodotti della comunità del Taburno.

  Questo il programma dell’edizione 2010 che ha per tema “Vino & Sostenibilità”, con un nuovo modello di manifestazione a ridotto impatto ambientale, senza dimenticare un  modello di consumo responsabile e consapevole, diffondendo in tal modo  la cultura del buon bere e quindi i valori culturali del vino e dei suoi territori.

 

  Questo il programma della XXXVI edizione di Vinestate.

2 settembre

ore 18,30 – Palazzo Caracciolo Cito – Manifestazione per il 150° Anniversario della costituzione della Provincia di Benevento – Presentazione volume del prof. Clemente Cassese "La Provincia di Benevento come nacque 150 anni fa".

3 settembre

Ore 17,30 – Palazzo Caracciolo – Cito – Convegno su “Arte, vino e territorio – Il vino si fa immagine”;

Ore 18 – Apertura delle degustazioni a cura di Ais e Fisar;

Ore 19 – Inaugurazione Museo Enologico di Arte Contemporanea;

Ore 19 – Laboratorio sensoriale “Fruttato & Floreale” – Viaggio attraverso i profumi dei vini del Taburno, a cura di Slow Food Taburno;

Ore 20 – Andar per Borghi – Visita del centro storico.

4 settembre

Ore 18 – Apertura delle degustazioni a cura dell’Ais e della Fisar;

Ore 19 – Talk Show su “Vino, piacere e salute” – Il rapporto tra vino e salute mediato dal piacere;

Ore 20 – Laboratorio sensoriale “Fruttato & Speziato “ – Viaggio attraverso i profumi dei vini del Taburno, a cura di Slow Food Taburno;

ORE 21 – Asta dei Vini – Asta pubblica di beneficenza.

5 settembre

Ore 10,30 – Convegno su “Vino e sostenibilità” – Nuovi valori e stili di consumo nella società post-crescita;

Ore 18 – Apertura delle degustazioni a cura dell’Ais e della Fisar;

Dalle ore 18 alle 23 – Il Mercato del Taburno – Il mercato del vino e della cultura materiale delle comunità del Taburno;

Ore 19 – Laboratorio sensoriale “Formaglianico” – Viaggio attraverso i sapori dei vini e dei formaggi del Taburno, a cura di Slow Food Taburno.

 Completano il programma: “Andar per Vigne”, percorso turistico in collaborazione con Percorsidivino.it e “Appuntamento a tavola”, alla scoperta della cucina locale in collaborazione con l’O.T.E.T.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here