La semola del COUS COUS FEST? Emiliana! …così come il vino!

0
45

SAN VITO LO CAPO (TRAPANI). L’eccellenza enogastronomica dell’Emilia Romagna sbarca in Sicilia e sceglie la “vetrina” di uno dei maggiori eventi dell’Isola, il Cous Cous Fest, il festival internazionale dell’integrazione culturale la cui 14\esima edizione si svolgerà dal 20 al 25 settembre prossimi.

L’evento celebra un confronto tra paesi dell’area euro-mediterranea e non solo, prendendo spunto dal cous cous, piatto della pace comune a moltissime culture, ed elemento di sintesi tra culture, simbolo di apertura, meticciato e contaminazione. (Info su www.couscousfest.it)

E a San Vito Lo Capo, nella punta nord-occidentale della Sicilia, dove si celebra una gara internazionale di cous cous tra chef di nove paesi, Costa d’Avorio, Egitto (presente per la prima volta) Francia, Israele, Italia, Marocco, Palestina, Senegal e Tunisia, la semola di cous cous parla emiliano.

Ha infatti la firma di Bia Spa, azienda leader in Italia nella produzione di cous cous convenzionale e biologico certificato con sede ad Argenta (Ferrara), tutta la semola di cous cous, oltre 4 tonnellate tra semola biologica e di grano duro, che va in scena durante l’evento, tra gare, laboratori gastronomici e degustazioni pubbliche.

L’azienda, che punta su un’accurata selezione delle materie prime che garantisce al consumatore un prodotto di ottima qualità e totalmente sicuro, sosterrà la manifestazione facendo degustare una selezione di prodotti, dal cous cous di semola di grano duro, di mais, kamut o integrale alla gamma biologica che comprende i medesimi prodotti con semola bio, cui sarà dedicato il Bia cooking show, un laboratorio gastronomico (venerdì 23 settembre alle ore 18:30) in cui la semola biologica Bia sarà interpretata, dallo chef sanvitese Piera Spagnolo, in chiave dolce.

L’Emilia Romagna si sorseggerà anche nel bicchiere. Sono infatti della ferrarese Tenuta Garusola tutte le etichette che saranno abbinate ai cous cous in gara e alle 40 ricette proposte nelle “Case del cous cous”, i tradizionali punti di degustazione, tutti in stile arabo.

Il sapore unico dei vini “delle sabbie” della Tenuta – prodotti nella zona Doc del bosco Eliceo, una striscia di terreni sabbiosi compresa tra il delta del Po, Cervia e l’entroterra di Filo – sposano, al Cous Cous Fest, il principe dei cibi delle sabbie, il cous cous.

Dalle piante al bicchiere, i vini della Tenuta Garusola mantengono i sapori buoni e naturali delle valli del Delta del Po, un ambiente così particolare che sviluppa vitigni autoctoni dalle caratteristiche uniche.

Alle etichette della Tenuta sarà dedicato anche un wine tasting (sabato 24 settembre alle ore 17), che vedrà alla ribalta due spumanti, il Rosé Brut, prodotto da uve Fortana nei vigneti coltivati a Filo (Ferrara), dal sapore secco, delicatamente fruttato e il “Dama delle sabbie”, uno spumante brut bianco, prodotto da uve prosecco 65%, chardonnay 25% e malvasia 10%, ottimo come aperitivo e abbinato ad una cucina di mare e di terra.

E poi ancora in degustazione un bianco fermo, “Le Cave”, prodotto da uve Sauvignon Emilia Igt, dal sapore secco e armonico con una piacevole vena di freschezza, di grande eleganza e buona sapidità e, infine, l’”Olmo rosso” Emilia Igt, un vino rosso prodotto da uve Merlot, dal colore rubino luminoso e dal sapore giustamente tannico ed equilibrato con corpo di media struttura.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here