Dimora Nannina. Gianpaolo Zoccola e la sua “moderna” cucina agricola

0
886

Se dovessi scegliere un concetto che semplifichi in un sol colpo Dimora Nannina sarebbe “materia prima”. Una parola abusata, in molti casi, ma non qui. Da fine luglio scorso, il giovane chef Gianpaolo Zoccola è tornato a casa per portare in tavola – proprio nell’azienda di famiglia – ciò che produce nei terreni circostanti.
Classe 1995, Istituto Alberghiero Roberto Virtuoso a Salerno, qualche esperienza significativa: La voce del mare a Vietri, l’Oleandri Resort a Paestum, Osteria del Taglio a Salerno con lo chef Mimmo Vicinanza, Binario Due a Salerno.
Ha forse avuto fretta ad aprire un ristorante proprio, a 24 anni avrebbe potuto “approfittare” di altre strutture e altri maestri, ma Gianpaolo sa bene dove sta andando.
La sua è certamente una mano di talento, il suo approccio già maturo per la sua età, la sua cucina un interessante punto di incontro tra l’ispirazione che viene dalla cucina tradizionale e la sua grande creatività, che lo rende un vero cuoco moderno.


La sua è una cucina contemporanea che non teme di guardarsi intorno, di assorbire altre culture e gusti, pur mantenendo salde le radici nelle materie prime in larga parte prodotte in proprio.
Che ci siano margini di crescita, che dovrà aggiungere carattere alla sua cucina è forse scontato, ma merita pienamente di essere visitato e sostenuto. Innanzitutto perché è bravo, poi perché ha scelto di tornare a casa invece che scappare, infine perché sedersi alla sua tavola è una bella esperienza con un ottimo rapporto qualità prezzo. Una trentina di posti, una carta dei vini assortita, un’ambiente semplice e curato.
Mare e terra, ma sostanzialmente hanno un ruolo centrale e ben valorizzato i prodotti dell’orto. Anche il menù degustazione si divide su queste due direttrici: tradizione marinara e tradizione contadina.

Ecco cosa ho assaggiato durante il mio pranzo:

Frittelle di alghe


Polpettina di patate su crema di piselli


Crostino con alici


Pane della casa: pagnotta realizzata con lievito madre, grissini allo strutto e pane ai cereali


Flan di broccoli su battuto di gamberi rossi e colatura di Parmigiano Reggiano


Montanara fritta al ragù di polpo


Pesce spada alla scapece con pasta kadaifi su crema di zucchine alla menta


Infuso freddo di zucca, cocco e cardamomo

Raviolo ripieno di ricotta con crema di asparagi e vongole veraci


Linguine Vicidomini con trito di cozze e limone


Tataki al vino rosso | Variazioni di tonno


Tortino al pistacchio su crema di frutti rossi


Piccola Pasticceria
Digestivo di menta e limone

FOTO FINISH 😉

 

Menù degustazione a partire da 35 euro

Dimora Nannina
Via Tora di Filetta, 34 – San Cipriano Picentino (SA)
349.2346703
Aperto tutte le sere a cena tranne martedì e domenica
Domenica aperto a pranzo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here