daZero e Fandango. La pizza come racconto di due territori: il Cilento e la Lucania

0
8

da sx Gatta e De SimoneGiovedì 23 marzo la pizzeria daZero di Vallo della Lucania (SA) ha ospitato Fandango di Scalera (PZ), la pizzeria insignita di due spicchi nella guida Gambero Rosso del 2017.

Tema della serata è stato il racconto, attraverso la pizza, di due territori dalle comuni radici culturali, il Cilento e la Lucania.

L’idea di questo appuntamento è nata dall’incontro tra Paolo De Simone (daZero) e Salvatore Gatta (Fandango) in occasione della presentazione a Napoli del libro edito da Slow Food, Pizza – Una grande tradizione Italiana, in cui sono raccontate le originali esperienze di entrambe le pizzerie.

Ad unire i due pizzaioli la ricerca di prodotti di eccellenza, espressione del proprio territorio, la cura nella scelta delle farine e nella preparazione degli impasti che ognuna sa poi interpretare in un modo assolutamente originale.

PIZZA GATTA FANDANGO

Il menu di giovedì sera ha cosi offerto un vero e proprio viaggio tra sapori decisi e assolutamente territoriali. Il benvenuto, ai tanti amanti della buona pizza presenti alla serata, lo ha dato daZero con i suoi sfizi fritti: la pizza fritta con cacioricotta di capra cilentana, un must della pizzeria, e l’arancino agli asparagi e zafferano, una novità.

Due le pizze proposte da Salvatore Gatta, Lucania e Mastunicola. Nella prima “Lucania” c’è tutta la sua Terra (Mozzarella di bufala Lucana, pomodori varietà Ciettaicale, pesto di basilico e noci homemade, olive infornate di Ferrandina, caciocavallo podolico e zafferano Lucano), mentre la seconda è stata un omaggio alla tradizione Napoletana, con ricetta che ispirata ad una pizza del 500 ma reinterpretata con un prodotto assolutamente lucano, la pancetta di maiale nero.

pizza Lucana Fandango

Paolo De Simone con la pizza “Sapore di Paestum” ha presentato un interessante incontro tra i carciofi di Paestum, le alici di Menaica e la mozzarella di bufala Campana.

In abbinamento le birre artigianali del birrificio Serro Croce di Monteverde (AV) e i vini della Cantina Le Querce di Barile (PZ).

A chiudere l’immancabile cannolo cilentano con la crema classica e al cioccolato.

È stato un piacere ospitare Salvatore” racconta Paolo De Simone “condividiamo la stessa passione per la pizza e per i prodotti di qualità. Noi di daZero siamo impegnati ogni giorno nella sfida di proporre una pizza sana e buona, che incontri il gusto di una clientela sempre più esigente.

Questo è per noi uno stimolo continuo a continuare nel nostro lavoro di ricerca. La ricca biodiversità del Cilento ci consente di poter variare il nostro menu utilizzando sempre prodotti di stagione.

A maggio, quando saremo noi ospiti di Fandango, cercheremo di raccontare il nostro Cilento nelle due pizze che proporremo. Crediamo che anche questo sia un modo per valorizzare il nostro Territorio e dare spazio ai tanti produttori che partecipano al nostro progetto di filiera corta”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here