Crisi? Macchè. In Italia il settore pizza cerca 6 mila addetti

0
91

PIZZA ALICIIl settore pizza è l’unico che non conosce crisi. Alla napoletana o super condita, a pranzo o a cena, tutti la scelgono e la amano, sapore e costi si abbracciano.
Secondo le stime, una pizza ed una bibita costano in media intorno ai 7 euro. Dunque, un settore che va a gonfie vele, ma lamenta sempre più la carenza di pizzaioli qualificati.
E’ quanto emerso da un report del centro studi, Federazione Italiana Pubblici Esercizi. Si evince che la pizza continua a vendersi nonostante il periodo di crisi. Riguardo a quando si mangia, al primo posto il c’è la cena (75%), ma non si dimentica neanche la colazione, l’8% dei casi preferisce mangiarla a colazione.
Il paradosso è che nonostante la forte disoccupazione, non si riescono a trovare 6000 pizzaioli qualificati. Ciò porta i gestori ad assumere personale non qualificato da addestrare poi sul posto. Anche le buone condizioni di lavoro non aiutano: la necessità di pizzaioli sfiora l’80% per le piccole imprese, con un’offerta di assunzione che nel 75% dei casi è a tempo indeterminato.
Insomma, nonostante sia uno dei piatti più amati e passaporto nel mondo della bella Italia, il settore pizzaioli conosce una scarsa presenza di esperti del settore. Un mestiere dimenticato da re-imparare?

Maria Rosaria Mandiello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here