Birra/Birre… Breve guida “rinfrescante” per schiarirci le idee!

0
136

BIRRAEsistono numerosi tipi di birra nel mondo e sebbene il metodo “pilsener” sia quello che è stato imposto da una schiacciante maggioranza, nel corso della storia non sempre è stato così.

Di fatto, ogni fase dell’elaborazione ha mille variabili che possono dare vita ad una birra diversa, e al giorno d’oggi esistono moltissimi distributori e produttori di birra artigianale di ottima qualità in Italia.

Le birre Pilsen:

Con una differenza abissale, le birre psener – chiamate anche pilsen o pils – regnano in tutto il mondo: dal Giappone all’India, dal Brasile alla Spagna e, naturalmente, in tutta l’Europa settentrionale. Tra le varie ragioni è perché sono le più “morbide”, meno amare, con meno carico alcolico e possono bersi più a lungo. Cioè, sono quel tipo di birra più simile ad una bibita e meno simile ad una bevanda fermentata.

Nell’antica storia della birra questo metodo di preparazione della regione Boemia della Repubblica Ceca, è stato una minoranza fino a buona parte del XX secolo, periodo nel quale cominciò a diffondersi tra il pubblico globale.

Infatti, sia in Germania che in Belgio, e naturalmente nel Regno Unito e nella Repubblica d’Irlanda, sopravvive un gusto sano per altri tipi di birra. Lo stesso accade in molte zone degli Stati Uniti, in particolare nel New England.

Attualmente, con il recupero delle birre artigianali, è aumentata l’offerta nel nostro paese di altre varietà di birra diverse da quella di Pilsener. Quindi è molto probabile che questa estate nelle numerose feste della birra o al supermercato ci sarà la possibilità di acquisire alcuni tipi di birra differenti. La seguente guida ha lo scopo di avere una conoscenza minima di ciò che stai acquistando.

Birra di grano o d’orzo?

Per iniziare la tassonomia della birra, dobbiamo distinguere due grandi gruppi, che distinguono il cereale usato per fermentare. Nel primo gruppo ci sono le birre d’orzo e nel secondo le birre di frumento.

Le birre di frumento sono tipiche della Germania, ma godono di grande fama anche nei Paesi Bassi e si caratterizzano per il loro punto fruttato, il suo colore/luce (da qui la chiamata le “bionde”) e per la loro “torbidità” causata dal malto di frumento . Sono conosciute come Weizen o Weissbier – “birra bianca” in tedesco e quelle non filtrati sono chiamate Hefeweizen o Hefeweissbier.

Sono una variante molto locale, dal momento che hanno avuto una conservazione complicata fino a poco tempo fa, che viene consumata essenzialmente come birra estiva, in bottiglie da mezzo litro e spesso mescolate con soda al limone.

Queste birre sono state tradizionalmente considerati un gruppo minore, perché il suo sapore è semplice, con poche sfumature e permette meno la sperimentazione con tonalità di colore e sapori.

Le birre d’orzo, invece, sono fatte con malto d’orzo, che dà loro maggiore amarezza e potenza e sono ciò che ha portato allo sviluppo della maggior parte delle birre che esistono oggi nel mondo.

Tra le birre ricavate dalla fermentazione del malto d’orzo si possono distinguere due grandi famiglie: la “famiglia delle ale” e la “famiglia delle lager”.

ASSAGGI DI BIRRA ARTIGIANALE

Ale: la regina delle isole

Queste due grandi famiglie (Ale e Lager) hanno contestato nel corso della storia il trono della birra, con guerre e rivoluzioni incluse, e alla fine si sono stabiliti due grandi regni. Il “regno delle ale” è eminentemente atlantico e corrisponde alle isole e ad alcune aree del litorale dei Paesi Bassi. Le birre sono una serie caratterizzata da fermentazione a temperatura elevata, compresa tra 15 e 25, che consente di fabbricare birra veloce senza stoccaggio.

Di solito sono birre con molto carattere e generalmente con un alto grado alcolico. Sebbene non siano necessariamente forti, sono particolarmente amare e vengono servite caldi, tra 12ºC e 18ºC.

Inoltre, dobbiamo distinguere tra grandi aree, che corrispondono alle due isole e l’asse nord-sud. Cioè, la birra inglese irlandese, scozzese e inglese, così come quella continentale belga.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here