AGRIETOUR: a Salemi (TP) l’agriturismo vincitore del Campionato di Cucina Contadina

0
245

Con la ricetta degli “Gnocculi cavati al ragù di salsiccia”, l’agriturismo “Al Ciliegio” di Salemi (TP) si aggiudica il Campionato di cucina contadina che si è svolto durante la prima giornata di AgrieTour, il Salone nazionale dell’agriturismo.

La cucina siciliana ha prevalso sulle altre ricette (in tutto circa venti) provenienti da tutta Italia. Al secondo posto del Campionato di cucina contadina il Trentino con l’Agriturismo la Stropaia, di Baselga di Pinè (TN) che ha cucinato dei “Canederlotti alle due ricotte con speck croccante”.

Terzo classificato a questa edizione un agriturismo toscano, Le Rocche di Capolona (AR), che ha preparato “Toppe alla casentinese con sugo bianco di Chianina”. Un premio speciale alla tradizione per un agriturismo laziale, Il Castagneto di Supino (FR), che ha proposto il recupero dei “Ranati”, una pietanza composta da legumi e cotiche di maiale della tradizione ciociara.

Grande successo di pubblico per questa rinnovata edizione del Campionato, promosso da AgrieTour in collaborazione con la Provincia di Arezzo, che ha visto come presidente di giuria il sommelier e noto volto televisivo Alessandro Scorsone.

Con lui in giuria altri esperti del settore che hanno commentato il percorso enogastronomico nella tradizione italiana. A premiare gli agriturismi in gara una madrina d’eccezione, ovvero Miss Italia, la siciliana Giusy Buscemi. “Un appuntamento ormai sempre più sentito quello del Campionato di cucina contadina – spiega il diretto di Arezzo Fiere e Congressi, Raul Barbieri – che dimostra come questa fiera non sia soltanto un momento di scambio di mercato, ma anche di cultura e di tradizione, elemento che ci fa dire che ad Arezzo l’Italia si riunisce nel segno dell’agriturismo”.

 

  • Al Salone nazionale dell’agriturismo è stato presentato il profilo dell’agriturista di oggi.

Secondo l’ormai tradizionale indagine condotta dal portale Agriturismo.it, l’agriturista 2012 sceglie l’agriturismo proprio per degustare la cucina e immergersi nella natura (38%), a seguire (16%) preferisce un’azienda dove provare un po’ tutte le peculiarità di questo tipo di vacanza: natura, enogastronomia, relax e attività dentro e fuori l’agriturismo. Seguono a distanza le preferenze per una vacanza incentrata sull’attività dentro e fuori l’azienda. Se gli agrituristi italiani propendono per una vacanza all’insegna del mangiar sano (84%) e del risparmio (91%), gli agrituristi stranieri cercano nella vacanza in agriturismo la tranquillità (84%) e l’attenzione all’ambiente (79%). Varia il tipo di compagnia scelta per la vacanza in agriturismo: se nel 2009 si sceglieva principalmente il proprio partner (57% contro 50%), oggi si preferisce soggiornare in agriturismo con tutta la famiglia, bambini compresi (54% contro 48%). Le famiglie scelgono l’agriturismo per rilassarsi e degustare la cucina ma allo stesso tempo visitare attrazioni naturalistiche o storiche nei dintorni (36%) e fare attività nell’azienda (20% contro il 16% della media). Le famiglie sono particolarmente attente agli agriturismi che offrono un ambiente familiare (48% contro il 44% della media) e naturalmente, spazi e attività dedicati ai bambini (38% conto il 23% della media). Fra le attività più gettonate l’equitazione (34% contro il 28% della media).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here